Europee. Lega al 9%. Salvini: “ci davano per morti ma siamo vivi e vivaci. Record di voti per il contestato e vituperato Vannacci”

AgenPress – “Da un anno tutti ci davano per morti, ma siamo vivi e vivaci. Contano le percentuali. Ci svegliamo al 9% ed è una bella giornata di sole”.

Così il leader della Lega Matteo Salvini nella sede del partito in via Bellerio a Milano. “Commento le proiezioni  se siamo anche di uno ‘0 virgola’ sopra al risultato delle politiche la soddisfazione c’è”.

“Spero in un centrodestra unito e compatto in Europa, possibilmente in maggioranza, senza però fare accordi a ribasso colloquiando con i socialisti. Conto che il centrodestra non si divida a Bruxelles. Altri cinque anni di von der Leyen non porteranno a nulla di buono”.

“Ho messaggiato con Giorgia facendole i complimenti. La stabilità del governo non è in discussione. Per me è una persona perbene e onesta, che crede in quello che dice. Se ha avuto un buon risultato onore e merito a lei e agli amministratori del Pd che si sono candidati, ci hanno messo la faccia e hanno preso i voti”. Complimenti anche per “gli amici di Forza Italia”, che “se prenderanno un voto in più di noi vuol dire che sono stati bravi” e ovviamente anche per l’alleata francese Marine Le Pen e per Jordan Bardella. “L’aria in Europa è assolutamente positiva, abbiamo appuntamento in settimana con gli alleati del gruppo della Lega per fare il punto della situazione”.

“Anche se mancano ancora 1000 sezioni a Roma, e questo è uno dei misteri della fede, la Lega è sopra il risultato delle politiche, superati i 2 milioni di voti. Vannacci, contestato e vituperato da mezzo mondo, ha preso da solo mezzo milione di voti col record nel Nord-Ovest. Quando ho candidato Vannacci dicevano che ero un fesso e che la base si sarebbe rivoltata. Ma questo mezzo milione di voti, che arrivano in buona parte da Lombardia e Veneto, arrivano dall’elettorato della Lega e non solo.  Io gli ho dato la mia preferenza, ha una visione del mondo in buona parte vicina alla mia”.

“Non ho mai chiesto a Vannacci di prendere la tessera della Lega e lui non me lo ha mai chiesto” ha aggiunto Salvini in conferenza stampa. “Ma abbiamo lavorato benissimo e sono sicuro che lavoreremo benissimo. Non è quello che fa la differenza. Uno può non avere la tessera e votare Lega. Qualcuno può avere la tessera e non votare Lega”, ha aggiunto Salvini mandando un’altra frecciata al fondatore Umberto Bossi.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie