Cina. Ministro Difesa: adotteremo azioni risolute per frenare l’indipendenza di Taiwan. Potenze straniere non incoraggino i separatisti

AgenPress –   La prospettiva di una “riunificazione” pacifica con Taiwan viene sempre più “erosa” dai separatisti taiwanesi e dalle forze esterne. Lo ha detto domenica il ministro della Difesa cinese Dong Jun, suscitando una risposta rabbiosa da parte del governo di Taipei.

La Cina considera Taiwan, governata democraticamente, come un proprio territorio, nonostante le forti obiezioni del governo locale, e il mese scorso ha organizzato esercitazioni di guerra intorno all’isola in segno di rabbia per l’ insediamento del 20 maggio del presidente Lai Ching-te, che Pechino definisce un “separatista”.
Intervenendo alla conferenza Shangri-La Dialogue a Singapore, Dong ha affermato che Taiwan è il “nocciolo delle questioni fondamentali” per la Cina, ma il Partito Democratico Progressista al governo di Taiwan sta perseguendo sempre più il separatismo e è intenzionato a cancellare l’identità cinese.
“Quei separatisti hanno recentemente fatto dichiarazioni fanatiche che mostrano il loro tradimento nei confronti della nazione cinese e dei loro antenati. Saranno inchiodati al pilastro della vergogna nella storia”.
Ha accusato le potenze straniere di interferire in “questioni interne” e di “incoraggiare i separatisti di Taiwan”.
Dong ha aggiunto che mentre la Cina è impegnata nella riunificazione pacifica con Taiwan, l’Esercito popolare di liberazione “rimarrà una forza forte per sostenere la riunificazione nazionale”.
“Adotteremo azioni risolute per frenare l’indipendenza di Taiwan e garantiremo che un simile complotto non abbia mai successo”, ha affermato. “Siamo molto fiduciosi nella nostra capacità di scoraggiare l’indipendenza di Taiwan.”
L’ufficio presidenziale di Taiwan ha affermato che la Cina ha travisato la posizione del governo di Taiwan al forum, dove a Taiwan non era consentito inviare rappresentanti.
“La Cina non ha la fiducia necessaria per impegnarsi in un dialogo con il governo di Taiwan, e le sue osservazioni irrazionali non possono ottenere il riconoscimento internazionale”, ha affermato l’ufficio in una nota.
Il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan, che definisce la politica nei confronti della Cina, ha espresso il suo profondo rammarico per i commenti “provocatori e irrazionali” e ha ribadito che la Repubblica popolare cinese non ha mai governato l’isola.
La Cina ha ripetutamente minacciato di usare la forza contro Taiwan in sedi internazionali e le sue minacce violano la Carta delle Nazioni Unite, ha affermato il Consiglio in una nota.
“È un fatto oggettivo che i due lati dello Stretto di Taiwan non sono subordinati l’uno all’altro, e questo è anche lo status quo nello stretto”, ha affermato.
La Cina è stata ripetutamente irritata dal sostegno degli Stati Uniti a Taiwan e dalla vendita di armi all’isola, anche in assenza di legami diplomatici formali tra Washington e Taipei.
“Ogni anno, per tre anni, un nuovo ministro della difesa cinese viene a Shangri-La”, ha detto un funzionario americano.
“E ogni anno tengono un discorso completamente in contrasto con la realtà dell’attività coercitiva dell’EPL nella regione. Quest’anno non è stato diverso”.
Dong ha definito le vendite di armi statunitensi un test per le “linee rosse” della Cina.
“Stanno vendendo molte armi a Taiwan. Questo tipo di comportamento invia segnali molto sbagliati alle forze indipendentiste di Taiwan e le fa diventare molto aggressive. Penso che sia chiaro che il vero scopo della potenza straniera è usare Taiwan per contenere la Cina. “
Andrew Yang, ex ministro della Difesa di Taiwan, ha detto che Pechino ha detto che perseguirà la “riunificazione” conquistando i cuori e le menti dei taiwanesi, ma “le loro azioni devono ancora corrispondere alle loro parole”. Pechino invece “ha in mano un grosso bastone” ed è “conflittuale e contraddittorio”, ha detto.
Yang ha detto che spera che gli Stati Uniti rispettino il programma di vendita di armi a Taiwan in modo che l’isola possa rafforzare la propria autodifesa.
Taiwan negli ultimi due anni si è lamentata dei ritardi nelle consegne di armi statunitensi, come i missili antiaerei Stinger, poiché i produttori riforniscono l’Ucraina per sostenerla nella guerra contro la Russia.
Il presidente di Taiwan, Lai, ha più volte offerto colloqui con Pechino, ma è stato respinto. Secondo lui solo il popolo di Taiwan può decidere del proprio futuro.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie