La Russia intende intensificare la deportazione di migliaia di bambini ucraini entro l’estate

AgenPress – Le autorità russe si stanno preparando a intensificare la deportazione dei bambini ucraini in Russia durante l’estate 2024, consolidando ulteriormente un’altra componente della campagna genocida russa in Ucraina.

Lo sostiene il think tank statunitense Institute for the Study of War (ISW).

Secondo il rapporto, Leonid Pasechnik, capo della cosiddetta Repubblica popolare di Luhansk (LNR), ha annunciato il 27 maggio che i soggetti federali russi (regioni che sono entità costitutive della Federazione Russa) “ospiteranno” oltre 12.000 bambini provenienti dalla regione occupata di Luhansk nel corso del periodo nel corso del 2024 e che il programma russo “Vacanze utili” sponsorizzerà 40.000 bambini dell’Ucraina occupata a “visitare” la Russia per campi estivi e attività educative.

Pasechnik ha anche riferito che i campi estivi per bambini nella Crimea occupata e in Russia si stanno preparando ad “ospitare” oltre 600 bambini provenienti dall’Ucraina occupata per tutta l’estate, compreso il campo estivo “Okean” a Vladivostok, Primorsky Krai (che è più vicino all’Alaska che al suo paese).

Il Ministero del Lavoro occupante della regione di Kherson ha anche annunciato che un numero imprecisato di bambini della regione occupata di Kherson si recherà al campo “Okean” per un “programma educativo, sportivo e culturale”.

Il senatore dell’occupazione della regione di Kherson Andrey Alekseenko ha riferito il 27 maggio che 575 bambini della regione occupata di Kherson frequenteranno campi estivi di tre settimane nella Crimea occupata e nella Repubblica russa di Adighezia con i fondi del soggetto federale russo.

Il “Ministero dell’Istruzione e della Scienza della LNR” ha riferito che un numero imprecisato di adolescenti della regione occupata di Luhansk frequenteranno un campo sportivo militare-patriottico presso il campo “Avangard” nella regione russa di Volgograd e si formeranno in ingegneria militare, tattica, fuoco, paracadutismo, comunicazioni, fondamenti della sicurezza nazionale, operazioni con droni e medicina tattica

“Nonostante gli sforzi russi per inquadrare i campi estivi per i bambini ucraini come attività ricreative ed educative temporanee, essi sono una componente fondamentale della campagna russa per deportare gli ucraini, compresi i bambini, in Russia. Il trasferimento forzato di bambini da un gruppo all’altro è un atto riconosciuto costituendo un genocidio, e i molteplici piani della Russia di deportare bambini ucraini in Russia possono quindi essere classificati come atti di genocidio,” hanno detto gli analisti dell’ISW.

Secondo il think tank, i bambini ucraini che sono stati deportati in Russia per tali “vacanze” o “campi estivi” affrontano programmi di russificazione basati sull’isolamento dalle loro famiglie, dalla lingua, dalla cultura e dalla storia ucraine.

“Le autorità russe probabilmente intensificheranno gli sforzi di deportazione durante l’estate con il pretesto di vacanze estive, ma questi programmi rappresentano atti di genocidio contro il popolo ucraino nonostante gli sforzi russi di mascherarli come opportunità educative temporanee e positive”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie