Lanciato nello spazio il satellite EarthCARE per sondare il modo in cui le nuvole influenzano il clima

AgenPress – Lanciato dalla base californiana di Vandenberg con un razzo Falcon 9, il satellite EarthCare, protagonista di una delle più complesse missioni di osservazione della Terra. Ha infatti il compito di raccogliere dati su nuvole e aerosol, che aiuteranno a capire i cambiamenti climatici. Nata dalla collaborazione fra Agenzia Spaziale Europea e agenzia spaziale giapponese Jaxa, la missione EartCare (Earth Cloud Aerosol and Radiation Explorer) ha un importante il contributo da parte dell’Italia, attraverso l’Agenzia Spaziale Italiana e l’industria, con Leonardo.

“Nuvole, aerosol e radiazioni saranno presto compresi in modo molto più chiaro, poiché un mix unico di quattro strumenti a bordo di EarthCare lavorerà per risolvere alcuni degli aspetti più misteriosi della nostra atmosfera”, ha scritto sulla piattaforma X il direttore generale dell’Esa, Josef Aschbacher. Progettata e realizzata da un consorzio di oltre 75 aziende con Airbus come capocommessa, la missione ha un importante contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana e dell’industria del nostro Paese, con Leonardo. Quest’ultima ha realizzato componenti di due dei quattro strumenti di bordo, oltre ai i pannelli solari e a uno speciale sensore per orientare il satellite in caso di necessità.

EarthCARE diventerà il primo satellite a misurare sia la distribuzione verticale che orizzontale delle nuvole, ha detto in una conferenza stampa.

Due degli strumenti del satellite emetteranno luce verso le nuvole per sondarne la profondità.

Uno di questi, che coinvolge il rilevamento e la portata della luce, o LIDAR, utilizzerà un impulso laser per misurare sia le nuvole che gli aerosol, che sono minuscole particelle come polvere, polline o inquinanti emessi dall’uomo come fumo o cenere.

Gli aerosol sono i precursori delle nuvole, ha spiegato Gillieron. Il radar del satellite perforerà le nuvole per misurare la quantità di acqua che contengono e monitorare la velocità delle nuvole. Altri strumenti misureranno forma e temperatura.

I dati costituiranno il primo quadro completo delle nuvole dal punto di vista di un satellite e aiuteranno ad aggiornare i modelli climatici che stimano quanto velocemente il nostro mondo si riscalderà.

La missione mira a scoprire “se l’attuale effetto delle nuvole, che al momento si sta raffreddando – l’ombrellone supera la coperta – diventerà più forte o più debole”, ha detto Gillieron.

Questa tendenza è diventata più difficile da prevedere poiché il riscaldamento globale ha cambiato la distribuzione delle nuvole.

“EarthCARE viene lanciato in un momento ancora più importante rispetto a quando è stato concepito nel 2004”, ha affermato Cheli.

“La missione giunge in un momento critico in cui l’avanzamento delle nostre conoscenze scientifiche è più importante che mai per comprendere e agire sui cambiamenti climatici, e non vediamo l’ora di ricevere i primi dati”, ha osservato Simonetta Cheli, direttore dei programmi di Osservazione della Terra dell’Esa.

“Aumentare l’accuratezza dei modelli climatici globali utilizzando i dati di EarthCARE ci permetterà di prevedere meglio il clima futuro e quindi di adottare le misure di mitigazione necessarie”, ha detto Eiichi Tomita il responsabile scientifico del radar della Jaxa che dovrà misurare la velocità del flusso ascendente e discendente all’interno delle nuvole.

E il primo strumento al mondo in grado di rilevare una misura simile. Un altro strumento importante è il lidar atmosferico, che utilizza un laser per misurare i profili di nubi sottili e aerosol; l’imager multispettrale offre un’ampia panoramica della scena in diverse lunghezze d’onda, mentre il radiometro a banda larga misura direttamente la radiazione solare riflessa e la radiazione infrarossa in uscita.

Le nuvole – dai cumuli e cirri ai cumulonembi – sono un fenomeno vario e complicato. La loro composizione dipende da dove si trovano nella troposfera, lo strato più basso dell’atmosfera terrestre, ha spiegato Dominique Gillieron, capo del dipartimento dei progetti di osservazione della Terra dell’ESA.

“Sono uno dei principali responsabili dei cambiamenti climatici – e uno dei meno compresi”, ha detto Gillieron all’AFP.

La troposfera inizia a circa otto chilometri (cinque miglia) sopra le regioni polari, ma vicino all’equatore inizia a circa 18 chilometri (11 miglia) più in alto. Ciò significa che le nuvole influenzano il clima in modo diverso a seconda della loro altitudine e latitudine.

I cumuli bianchi e luminosi, costituiti da goccioline d’acqua, siedono bassi e funzionano come un parasole, riflettendo la radiazione solare nello spazio e raffreddando l’atmosfera.

Più in alto, i cirri costituiti da cristalli di ghiaccio lasciano passare la radiazione solare, riscaldando il nostro mondo. I cirri poi intrappolano il calore come una coperta.

 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie