Zelensky. Assenza di Biden ai colloqui di pace sarebbe un applauso per Putin. L’Iran dà missili a Mosca, non solo droni

AgenPress –  Volodymyr Zelensky ha detto  che se il presidente americano Joe Biden saltasse un vertice di pace organizzato da Kiev in Svizzera il mese prossimo, sarebbe come una standing ovation per il presidente russo Vladimir Putin.
L’Ucraina spera di ospitare quanti più paesi possibile nel tentativo di unire le opinioni su come fermare la guerra e di aumentare la pressione sulla Russia, che ha conquistato quasi un quinto del territorio ucraino. Washington ha segnalato il suo sostegno ma non ha detto se Biden parteciperà.
“So che gli Stati Uniti sostengono il vertice, ma non sappiamo a quale livello”, ha detto lunedì il presidente ucraino a Bruxelles in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro belga Alexander De Croo.
“Il vertice di pace ha bisogno del presidente Biden e così fanno anche gli altri leader che guardano alla reazione degli Stati Uniti. La sua assenza sarebbe un applauso a Putin, un applauso personale a Putin.”
Domenica Zelensky ha esortato sia Biden che il presidente cinese Xi Jinping, stretto alleato di Putin e uno dei principali beneficiari della sua spaccatura, a partecipare al vertice. La Russia, che ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, ha affermato di non vedere il motivo della conferenza.
“La Russia non è sola, l’Iran dà missili e non solo droni, poi ci sono i pezzi di artiglieria dalla Nord Corea, i nostri servizi vedono queste forniture. Ai leader mondiali dico: se desiderate la pace venite in Svizzera”.
“L’iniziativa parte da noi ma se avete altre idee venite, proponetele, il microfono è aperto. Se invece volete la guerra, andrete alla riunione alternativa di malviventi che Putin sta organizzando, perché non vuole la conferenza di pace in Svizzera e vuole farla fallire”, ha aggiunto. “Ci sono Paesi che non si sono espressi pubblicamente ma sostenere la Russia su questo vuol dire essere a favore della guerra”.
Le limitazioni occidentali all’uso delle armi fornite sono “ingiuste” e di fatto favoriscono l’avanzata delle forze russe in Ucraina.  “Le forze armate russe stanno dietro il confine, sparano e sfortunatamente le loro capacità sono migliori e tu non puoi rispondere, perché non hai il diritto ad usare le armi. I militari devono arretrare, anche loro sono esseri umani e allora i russi avanzano: a Kharkiv è parte della loro strategia. Vedi le immagini satellitari, dove sono, e non puoi rispondere ed è ingiusto. Ma non possiamo mettere a rischio il sostegno dei nostri partner”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie