Usa. Blinken favorevole alla revoca del divieto di attacchi ucraini all’interno della Russia con armi statunitensi

AgenPress – Dopo la sua “visita che fa riflettere” a Kiev, il segretario di Stato americano Antony Blinken vuole che la Casa Bianca permetta all’Ucraina di colpire all’interno del territorio russo con armi fornite dagli americani, ha riferito il New York Times (NYT) il 22 maggio, citando fonti ufficiali non divulgate.

Il divieto ha impedito a Kiev di attaccare le forze russe, che si stavano radunando vicino all’oblast di Kharkiv per la loro offensiva lanciata all’inizio di maggio, con armi americane avanzate come i missili ATACMS .

Il Dipartimento di Stato americano ha avviato un “vigoroso dibattito” all’interno dell’amministrazione del presidente Joe Biden su questa politica dopo la visita di due giorni di Blinken nella capitale ucraina, avvenuta pochi giorni dopo il lancio della nuova offensiva da parte della Russia. È stata la situazione nell’oblast di Kharkiv a cambiare la posizione di Blinken.

Il notiziario ha osservato che la proposta è ancora “nella fase formativa” e che non è chiaro quanti altri funzionari di alto rango nella squadra di Biden la sosterranno.

Il piano includerebbe il permesso di attacchi contro strutture militari russe ma forse non raffinerie di petrolio e altre infrastrutture che l’Ucraina ha colpito con droni fatti in casa. 

Non è stato ancora proposto formalmente al presidente degli Stati Uniti, che finora è stato irremovibile riguardo al divieto, temendo una potenziale escalation con la Russia.

Anche il Pentagono ha ribadito questa posizione, ma il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha recentemente lasciato intendere che le regole potrebbero essere diverse per quanto riguarda gli obiettivi aerei.

“La dinamica aerea è un po’ diversa”, ha detto Austin durante una conferenza stampa il 20 maggio, ma ha evitato di dire esplicitamente se gli attacchi contro aerei russi con armi statunitensi siano vietati o meno.

A differenza di Washington, il Regno Unito ha affermato che non si oppone all’uso da parte dell’Ucraina di armi fornite dal Regno Unito – tra cui i missili Storm Shadow – per colpire il suolo russo, provocando minacce da Mosca.

“(L’ambasciatore britannico a Mosca Nigel) Casey è stato avvertito che in risposta agli attacchi ucraini sul territorio russo con armi britanniche, qualsiasi struttura e equipaggiamento militare britannico sul territorio dell’Ucraina e all’estero potrebbe essere preso di mira”, ha affermato il ministero degli Esteri russo.

 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie