La Francia sostiene la decisione della Corte penale internazionale di arrestare Netanyahu e il leader di Hamas per crimini contro l’umanità

AgenPress – La Francia  ha espresso sostegno alla Corte penale internazionale (CPI) dopo che la corte ha annunciato la sua decisione di richiedere mandati di arresto per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il suo ministro della Difesa e i leader di Hamas.

“Per quanto riguarda Israele, spetterà alla Camera preliminare del tribunale decidere se emettere questi mandati, dopo aver esaminato le prove presentate dal pubblico ministero a sostegno delle sue accuse”, ha detto lunedì il ministero degli Esteri francese.
“La Francia sostiene la Corte penale internazionale, la sua indipendenza e la lotta contro l’impunità in tutte le situazioni”.

Parigi ha anche affermato di aver messo in guardia “da molti mesi” sulla necessità di un rigoroso rispetto delle leggi umanitarie internazionali e “in particolare del livello inaccettabile di vittime civili nella Striscia di Gaza e della mancanza di accesso umanitario”.

La mossa della Francia segna una profonda spaccatura tra la sua posizione e quella dei suoi alleati occidentali, tra cui Regno Unito , Italia e Stati Uniti – dove il presidente Joe Biden ha definito la decisione “ oltraggiosa ”.

La Francia è stato uno dei pochi paesi occidentali disposti ad assumere una posizione più dura nei confronti di Israele, criticando anche la decisione degli Stati Uniti di porre il veto alle risoluzioni di cessate il fuoco nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e chiedendo un cessate il fuoco immediato.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie