Taiwan. William Lai è il nuovo presidente. “La Cina smetta di intimidirci politicamente e militarmente e lavori per la pace”

AgenPress –  Il nuovo presidente di Taiwan, Lai Ching-te (William Lai), ha prestato oggi giuramento, in una cerimonia alla quale hanno partecipato decine di delegazioni straniere, secondo le immagini di un pool video ufficiale. Lai ha giurato nel palazzo presidenziale di Taipei, così come il nuovo vicepresidente Hsiao Bi-khim.

Lai succede a Tsai Ing-wen, i cui otto anni al potere hanno visto un peggioramento delle relazioni con Pechino a causa del suo rifiuto di riconoscere il ‘Consenso del 1992’ e ‘il principio della Unica Cina’. La cerimonia si è tenuta nella sede dell’Ufficio presidenziale di epoca coloniale giapponese. Lai e la Hsiao, ex ambasciatrice de facto negli Stati Uniti, dovranno fare i conti con la crescente pressione militare cinese e un parlamento ostile. Il nuovo presidente di Taiwan terrà a breve il discorso inaugurale.

Lai Ching-te ha chiesto lunedì alla Cina di porre fine alle sue minacce militari e politiche, affermando nel suo discorso di insediamento che la pace è l’unica scelta e che Pechino deve rispettare la scelta del popolo taiwanese.
La Cina ha risposto dicendo che Lai ha inviato “segnali pericolosi” che cercano di minare la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan.
Lai, rivolgendosi alla folla fuori dall’ufficio presidenziale di epoca coloniale giapponese nel centro di Taipei, ha ripetuto un appello al dialogo con la Cina, che considera l’isola orgogliosamente democratica come un proprio territorio e non ha mai rinunciato all’uso della forza per portarla sotto il controllo di Pechino. .
“Voglio anche esortare la Cina a smettere di intimidire Taiwan politicamente e militarmente e ad assumersi la responsabilità globale con Taiwan di lavorare duramente per mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan e nella regione, per garantire che il mondo non abbia paura di scoppia la guerra”, ha detto. “Vogliamo anche dichiararlo al mondo: Taiwan non fa concessioni alla democrazia e alla libertà. La pace è l’unica opzione e la prosperità è il nostro obiettivo per la pace e la stabilità a lungo termine”.
L’Ufficio cinese per gli affari di Taiwan ha affermato che i commenti di Lai “hanno rivelato pienamente la sua vera natura di indipendentista di Taiwan”, aggiungendo che la situazione nello Stretto di Taiwan è “complicata e cupa”.
“L’indipendenza di Taiwan è incompatibile con la pace nello Stretto di Taiwan”, si legge in una nota. “Non importa come cambia la situazione sull’isola, non importa chi è al potere, non cambierà il fatto che le due parti appartengono alla stessa Cina.”
Taiwan e Cina dovrebbero lavorare insieme “per la pace e la stabilità” nello Stretto di Taiwan: è uno dei passaggi del discorso inaugurale del neopresidente William Lai. “La gente di Taiwan e della Repubblica popolare non sono subordinate tra loro”, ha aggiunto Lai, chiedendo alla Cina di smettere “di minacciare politicamente” l’isola.
Lai, che ha preso il posto di Tsai Ing-wen come vicepresidente negli ultimi quattro anni, ha affermato che le persone devono essere realistiche riguardo alla minaccia e Taiwan deve mostrare la sua determinazione a difendersi.
“Concittadini, abbiamo l’ideale di perseguire la pace, ma non dobbiamo farci illusioni”, ha detto. “Prima che la Cina rinunci all’uso della forza per invadere Taiwan, i cittadini devono capire questo: anche se accettiamo tutte le richieste della Cina e rinunciamo alla nostra sovranità, l’ambizione della Cina di annettere Taiwan non scomparirà”.
Lai ha ricevuto un forte applauso dopo aver ribadito che la Repubblica di Cina – nome ufficiale di Taiwan – e la Repubblica popolare cinese “non sono subordinate l’una all’altra”, una linea adottata anche da Tsai.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie