Cremlino. Medvedev: uccidere Zelensky è un “obiettivo militare legittimo. E’ a capo di un regime ostile alla Russia”

AgenPress – Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha dichiarato il 20 maggio ai media statali TASS che il presidente Volodymyr Zelensky è un “obiettivo militare legittimo”.

Medvedev, che in precedenza è stato presidente della Russia dal 2008 al 2012, ha usato regolarmente un linguaggio bellicoso nel tentativo di intimidire l’Occidente e l’Ucraina.

A febbraio, Medvedev ha minacciato che la Russia avrebbe utilizzato armi nucleari contro Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Ucraina se Mosca avesse perso il controllo di tutto il territorio ucraino che attualmente occupa.

“(Zelensky) è già a capo di un regime politico ostile alla Russia, che ci sta facendo guerra”, ha detto Medvedev.

“E i leader dei paesi che fanno la guerra sono sempre considerati un obiettivo militare legittimo”.

Medvedev si era precedentemente presentato come un liberale, ma è diventato uno dei falchi più aggressivi della Russia a favore della guerra da quando è iniziata l’ invasione su vasta scala dell’Ucraina nel 2022. Ha ricoperto sempre più il ruolo precedentemente ricoperto dal defunto politico Vladimir Zhirinovsky, famoso per il suo retorica vistosa e aggressiva.

Secondo quanto riferito, Zelensky ha evitato diversi tentativi di omicidio all’inizio dell’invasione su vasta scala.

Anche il Servizio di sicurezza ucraino (SBU) aveva dichiarato all’inizio di maggio 2024 di aver scoperto una rete di agenti del Servizio di sicurezza federale russo (FSB) che stavano progettando di assassinare Zelensky e altri funzionari di alto rango in Ucraina.

 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie