Londra. Attesa per lunedì la decisione di estradare Julian Assange negli Stati Uniti dove lo attende un processo

AgenPress – Un tribunale britannico potrebbe emettere lunedì una decisione definitiva sull’opportunità di estradare negli Stati Uniti il ​​fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, a causa della fuga di massa di documenti segreti statunitensi, il culmine di 13 anni di battaglie legali e detenzioni.
Due giudici dell’Alta Corte di Londra decideranno se la corte è soddisfatta delle assicurazioni statunitensi secondo cui Assange, 52 anni, non affronterà la pena di morte e potrebbe fare affidamento sul diritto alla libertà di parola del Primo Emendamento se dovesse affrontare un processo americano per spionaggio.
Il team legale di Assange dice che potrebbe trovarsi su un aereo attraverso l’Atlantico entro 24 ore dalla decisione, potrebbe essere rilasciato dal carcere, o il suo caso potrebbe ancora una volta impantanarsi in mesi di battaglie legali.
“Ho la sensazione che tutto potrebbe succedere in questa fase”, ha detto sua moglie Stella la settimana scorsa. “Julian potrebbe essere estradato o liberato.”
Ha detto che suo marito sperava di essere in tribunale per l’udienza cruciale.
WikiLeaks ha pubblicato centinaia di migliaia di documenti militari statunitensi classificati sulle guerre di Washington in Afghanistan e Iraq – le più grandi violazioni della sicurezza di questo tipo nella storia militare degli Stati Uniti – insieme a fasce di dispacci diplomatici.
Le autorità statunitensi vogliono processare Assange, nato in Australia, per 18 capi d’accusa, quasi tutti ai sensi dell’Espionage Act, affermando che le sue azioni con WikiLeaks sono state sconsiderate, hanno danneggiato la sicurezza nazionale e hanno messo in pericolo la vita degli agenti.
I suoi numerosi sostenitori a livello mondiale definiscono l’accusa una parodia , un attacco al giornalismo e alla libertà di parola e una vendetta per aver causato imbarazzo. Le richieste di archiviare il caso sono arrivate da gruppi per i diritti umani e alcuni media, al primo ministro australiano Anthony Albanese e altri leader politici.
Assange è stato arrestato per la prima volta in Gran Bretagna nel 2010 su mandato svedese per accuse di crimini sessuali che sono state successivamente ritirate. Da allora è stato variamente agli arresti domiciliari, rinchiuso nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra per sette anni e detenuto dal 2019 nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, da ultimo mentre aspettava una sentenza sulla sua estradizione.
“Ogni giorno dal 7 dicembre 2010 è stato in una forma di detenzione o nell’altra”, ha detto Stella Assange, che originariamente faceva parte del suo team legale e lo ha sposato a Belmarsh nel 2022.
Se l’Alta Corte decidesse che l’estradizione può andare avanti, le vie legali di Assange in Gran Bretagna saranno esaurite, e i suoi avvocati si rivolgeranno immediatamente alla Corte Europea dei Diritti Umani per chiedere un’ingiunzione di emergenza che blocchi la deportazione in attesa di un’udienza completa da parte di quella corte sul suo caso a una data successiva.
D’altra parte, se i giudici respingono le proposte degli Stati Uniti, allora avrà il permesso di appellarsi al caso di estradizione per tre motivi, e questo potrebbe non essere discusso fino al prossimo anno.
È anche possibile che i giudici decidano che l’udienza di lunedì valuti non solo la possibilità di ricorrere in appello, ma anche la sostanza dell’appello. Se in quelle circostanze dovessero trovarlo a suo favore, potrebbe essere rilasciato.
Stella Assange ha detto che qualunque sia l’esito continuerà a lottare per la sua libertà. Se verrà liberato, lei intende seguirlo in Australia o dovunque fosse al sicuro. Se verrà estradato, ha detto che tutte le prove psichiatriche presentate in tribunale avrebbero concluso che correva un serio rischio di suicidio.
“Viviamo giorno per giorno, di settimana in settimana, di decisione in decisione. Questo è il modo in cui viviamo da anni e anni”.
“Questo non è semplicemente un modo di vivere, è così crudele. E non posso prepararmi per la sua estradizione, come potrei? Ma se verrà estradato, allora farò tutto il possibile e la nostra famiglia combatterà per lui,  finché non sarà libero.”

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie