Gb: Camilla non comprerà più pellicce. Ora si abolisca la pelle di orso per i copricapi delle guardie del Re

AgenPress – People for the Ethical Treatment of Animals (Peta) ha ricevuto una lettera da Buckingham Palace, in cui si afferma che la Regina “non comprerà alcun nuovo capo di pelliccia”.

“Questo arriva con i più calorosi auguri della Regina”, aggiunge la lettera. Ma la International Fur Federation sostiene che i reali “non dovrebbero essere messi sotto pressione dagli attivisti animalisti”.

Peta, che sostiene che la vera pelliccia è crudele e non necessaria, ha detto che significherebbe “brindare alla regina Camilla con un bicchiere del miglior chiaretto”.

“È giusto che la monarchia britannica rifletta i valori britannici riconoscendo che la pelliccia non ha posto nella nostra società”, ha affermato l’amministratore delegato Ingrid Newkirk.

Anche Wendy Higgins della Humane Society International ha sostenuto il passaggio alla pelliccia finta.

La decisione della regina e soprattutto quanto affermato dalla Peta ha sollevato però qualche malumore ai vertici della International Fur Federation, che rappresenta i produttori di pellicce. Per l’amministratore delegato Mark Oaten “è diritto di ognuno decidere cosa indossare” e “molte persone acquistano ancora pellicce perché preferiscono indossare qualcosa che sia naturale e sostenibile, a differenza di quelle finte a base di plastica”.

La mossa della Regina segue le orme di Elisabetta II, che, nel 2019, dichiarò che non avrebbe acquistato nuovi prodotti in vera pelliccia.

Ciò non significa però che abbia smesso di indossare gli abiti esistenti, e anche la lettera della Regina a Peta non lo esclude.

Mark Oaten, amministratore delegato della International Fur Federation, ha respinto le critiche alla vera pelliccia. “È diritto di ognuno decidere cosa indossare”.

“Molte persone acquistano ancora pellicce perché preferiscono indossare qualcosa che sia naturale e sostenibile, a differenza della pelliccia finta a base di plastica.

“Ci auguriamo che la famiglia reale tenga conto dell’ambiente quando decide cosa indossare, ma la libertà di scelta è la questione chiave”.

L’abbandono da parte della Regina dell’acquisto di vera pelliccia è l’ultima risposta reale alle preoccupazioni sul benessere degli animali:

  • Il “Rotolo dell’Incoronazione”, il tradizionale resoconto manoscritto dell’Incoronazione, presentato al Re e alla Regina questo mese, è stato prodotto su carta anziché su pergamena di pelle di animale
  • Le residenze reali non servono foie gras, fatto con fegato d’anatra o d’oca, che secondo gli attivisti comporta crudeltà verso gli animali
  • Durante il servizio dell’incoronazione dell’anno scorso, l’olio utilizzato per l’unzione del re era per la prima volta privo di animali. Le versioni precedenti includevano olio di zibetto, ricavato dalle ghiandole dei piccoli mammiferi, e ambra grigia, ricavata dall’intestino delle balene.

La regina ha anche dovuto affrontare alcune sensibilità su ciò che indossava durante l’incoronazione, con la decisione diplomatica di non utilizzare una corona contenente il diamante Koh-i-Noor, che ha avuto rivendicazioni di proprietà rivali a livello internazionale.

 La pelliccia d’orso è ancora indossata dalla guardia del re

La mossa rende l’uso da parte del Ministero della Difesa (MoD) di vera pelliccia d’orso per i berretti della guardia reale ancora più assurdo e fuori dal mondo.

Per due decenni, la PETA ha condotto una campagna per costringere il Ministero della Difesa a porre fine all’uso della pelle d’orso per i berretti della Guardia del Re. Un video di PETA rivela come gli orsi vengono innescati con cibo, fucilati, sventrati e smembrati dai cacciatori in Canada in modo che la loro pelliccia possa essere venduta, forse per essere utilizzata per copricapi puramente ornamentali.

Guarda il video qui sopra per vedere i cacciatori che sparano agli ignari animali con le balestre, una forma di caccia illegale nel Regno Unito dal 1981 secondo le leggi sulla protezione della fauna selvatica. Molti orsi vengono colpiti più volte e alcuni scappano solo per morire lentamente a causa di perdita di sangue, infezioni, fame o disidratazione.

Per realizzare un unico berretto è necessaria la pelle di almeno un orso. Secondo i documenti pubblici ottenuti da PETA, il Ministero della Difesa ha acquistato 498 cappelli di pelle d’orso tra il 2017 e il 2022 – equivalenti ad almeno 498 orsi macellati – anche se PETA ha prima offerto al ministero una pelliccia sintetica di qualità superiore prodotta dalla pelliccia sintetica di lusso ECOPEL nel 2017 e ECOPEL si è impegnata a fornire gratuitamente al Ministero un importo illimitato per un decennio.

Le guardie reali devono liberarsi dalla pelliccia: agisci

Di’ al segretario alla Difesa di usare la pelliccia sintetica per i berretti della Guardia del Re:

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie