Definì Lollobrigida un ministro “neohitleriano”. Prosciolta la prof.ssa Di Cesare dopo querela. “Non costituisce reato”

AgenPress – Il giudice monocratico di Roma ha dichiarato il non luogo a procedere nei confronti di Donatella Di Cesare, docente di filosofia alla Sapienza di Roma, che era accusata di diffamazione dopo una querela presentata dal ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida. Per il giudice il fatto “non costituisce reato”. Nel corso di una trasmissione televisiva, commentando le parole di Lollobrigida sulla ‘sostituzione etnica’, aveva affermato che “quello del ministro non può essere preso per uno scivolone perché ha parlato da Gauleiter, da governatore neohitleriano’.

“Sono molto soddisfatta, perché ho vissuto il processo come una grande ingiustizia, perché il mio era un commento, un parallelo storico e non doveva essere un motivo per un processo. Veramente mi dispiace e mi preoccupa questa tendenza a criminalizzare il dissenso, le voci critiche. Perché l’Italia democratica non merita questo”, afferma Donatella Di Cesare.  ” Sono sempre apertissima al dialogo e al confronto democratico su tutto, ritengo che il dialogo sia il cardine della democrazia anche con il ministro Lollobrigida”, aggiunge Di Cesare che dopo la sentenza ha mostrato la bandiera dell’Anpi con il tricolore italiano. Nel procedimento la docente era assistita dall’avvocato Mario Casellato.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie