Via libera finale dai Paesi Ue alla stretta su emissioni CO2 per i nuovi veicoli pesanti. Italia, Polonia e Slovacchia votano contro

AgenPress –  Nel corso del Consiglio Istruzione, i ministri dei Ventisette hanno approvato l’accordo politico raggiunto a gennaio con il Parlamento europeo. L’Italia ha votato contro, insieme alla Polonia e alla Slovacchia. La Repubblica ceca si è invece astenuta. Gli obiettivi del nuovo regolamento prevedono un taglio del 45% delle emissioni al 2030, del 65% al 2035, e del 90% al 2040, oltre al target del 15% al 2025 già previsto dalla normativa vigente. I target si applicheranno ai camion superiori alle 7,5 tonnellate e agli autobus privati.

Per i nuovi bus cittadini è invece previsto un taglio delle emissioni del 90% entro il 2030, per poi raggiungere le emissioni zero entro il 2035. Nel 2027 l’Ue condurrà una valutazione intermedia degli obiettivi.

Al testo concordato con il Parlamento è stato aggiunto un considerando, nato da una richiesta tedesca, per vincolare la Commissione europea a valutare l’opportunità di introdurre una metodologia per la registrazione di veicoli commerciali pesanti che funzionano esclusivamente con carburanti neutri in termini di CO2, entro un anno dall’entrata in vigore del provvedimento.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie