Clima: quasi 1 milione di persone in Kenya, Burundi, Tanzania e Somalia colpite dalle piogge intense senza precedenti

In Kenya, le scuole sono rimaste chiuse per diverse settimane e dovrebbero riaprire la prossima settimana. Le inondazioni hanno causato un’altra epidemia di colera, con 48 casi segnalati.

In Somalia, oltre 160.000 persone sono state colpite dalle ultime inondazioni, due terzi delle quali sono bambini.


AgenPress. Le inondazioni e le frane in Africa orientale stanno colpendo quasi un milione di persone in Burundi, Kenya, Somalia e Tanzania. Le piogge insolitamente intense che hanno colpito la regione, esacerbate dal fenomeno climatico El Niño del 2023-24, hanno causato la perdita di centinaia di vite umane, evidenziando l’urgente necessità di assistenza umanitaria.

Un gran numero di persone è stato sfollato e sono stati riportati danni significativi a case, scuole e infrastrutture, oltre alla perdita di raccolti e bestiame. Molte famiglie sono state costrette a lasciare le loro case, cercando rifugio in strutture di fortuna o in centri di evacuazione. Si tratta delle persone che sono già più vulnerabili, che spesso vivono in insediamenti informali, vicino agli argini dei fiumi e senza acqua e servizi igienici affidabili. La situazione ha ulteriormente aggravato la vita di donne e bambini, che già devono affrontare alti livelli di discriminazione nell’accesso ai servizi di protezione e alle risorse, nonché la vulnerabilità a violenze, abusi e sfruttamento.

In Kenyale scuole sono rimaste chiuse per diverse settimane e dovrebbero riaprire la prossima settimana. Le inondazioni hanno causato un’altra epidemia di colera, con 48 casi segnalati. In Somalia, oltre 160.000 persone sono state colpite dalle ultime inondazioni, due terzi delle quali sono bambini.

“Le forti piogge e le conseguenti inondazioni hanno stravolto le vite, ponendo rischi significativi per i bambini delle regioni colpite. Attualmente, la sicurezza e la salute, così come l’accesso al cibo, all’acqua potabile e ai servizi vitali, rimangono di primaria importanza. L’UNICEF sta lavorando a stretto contatto con i governi e i partner locali che si occupano delle comunità colpite per identificare i bisogni più urgenti e garantire che i bambini siano al sicuro, possano continuare a studiare e ricevano il sostegno psicosociale necessario”, ha dichiarato la Direttrice regionale dell’UNICEF per l’Africa orientale e meridionale Etleva Kadilli.

Nei Paesi colpiti dalle inondazioni, l’UNICEF sta collaborando con i partner governativi e della società civile per fornire aiuti d’emergenza salvavita ai bambini e agli altri gruppi vulnerabili delle comunità colpite. Gli interventi comprendono assistenza in denaro, supporto tecnico e fornitura di acqua potabile, kit igienici e materiale medico. L’UNICEF sta anche lavorando con i partner per identificare i bisogni che emergeranno una volta che le acque si saranno calmate. Tra questi vi sono:

  • Garantire la continuità dell’apprendimento sicuro laddove le scuole sono distrutte, chiuse o non accessibili; sostenere valutazioni rapide delle scuole, il recupero e gli sforzi di ricostruzione per riportare i bambini a scuola il prima possibile. Inoltre, l’UNICEF collaborerà con i partner per promuovere un apprendimento accelerato e di recupero per aiutare i bambini a recuperare il ritardo.
  • Proteggere i bambini dalla separazione forzata dalle famiglie, dalla maggiore esposizione alla violenza, compresa quella sessuale, e tenerli al sicuro da attività di sfruttamento come il lavoro minorile e gli abusi.
  • Garantire l’accesso a servizi idrici e igienici sicuri, migliorare la prevenzione delle infezioni e le misure di controllo contro l’insorgere di malattie infettive, nonché rafforzare le capacità degli operatori sanitari delle comunità.
  • Migliorare l’accesso a servizi sanitari salvavita, ad alto impatto e di qualità che migliorino lo stato di salute delle comunità colpite.
  • Stabilire e rafforzare l’accesso ai servizi nutrizionali essenziali, compreso il sostegno ai governi per garantire la fornitura e l’accesso a diete, pratiche e servizi di qualità.
  • Rafforzare la comunicazione del rischio e l’impegno della comunità (RCCE) con i governi e i partner locali nelle aree colpite da El Niño.
  • Garantire la disponibilità di servizi per i sopravvissuti alla violenza di genere (GBV), compresi i rinvii, la gestione dei casi, il sostegno psicosociale e gli sforzi continuativi per identificare e ridurre i rischi di GBV nelle comunità colpite.

Nell’ultimo decennio, i cambiamenti climatici hanno intensificato le condizioni meteorologiche estreme nell’Africa orientale e meridionale, come la prolungata siccità in Kenya, Etiopia e Somalia dal 2020 al 2023, seguita da gravi inondazioni dalla fine dello scorso anno. In Africa orientale, le forti piogge indotte da El Niño hanno intensificato le inondazioni fluviali e improvvise. Nell’Africa meridionale, El Niño ha peggiorato le condizioni di siccità e ha causato una diminuzione delle precipitazioni, portando alla dichiarazione dello stato di emergenza in Madagascar, Malawi, Zambia e Zimbabwe.

Per aiutare i bambini e le comunità vulnerabili a far fronte ai cambiamenti climatici, l’UNICEF sta lavorando con partner regionali e nazionali per facilitare e implementare soluzioni resilienti al clima, consentire ai bambini e ai giovani, compresi quelli con disabilità, di far sentire la loro voce e migliorare la loro capacità di adattamento, nonché difendere la riduzione delle emissioni di gas serra in tutto il mondo, l’uso di soluzioni basate sulla natura e la revisione dei finanziamenti internazionali per il clima affinché siano attenti alle esigenze dei bambini.

“Con l’aggravarsi delle crisi dovute alla siccità e alle inondazioni provocate da El Niño, la vulnerabilità delle comunità in tutta l’Africa orientale e meridionale si intensifica, ponendo gravi preoccupazioni sul futuro dei bambini nella regione”, ha dichiarato Kadilli. “I bambini, i giovani e le donne, compresi quelli con disabilità, sono particolarmente a rischio di violenza, abusi e sfruttamento, mentre le esigenze umanitarie continuano ad aumentare. Grazie al prezioso sostegno dei nostri donatori e partner, l’UNICEF è attivamente impegnato sul campo. Insieme ai governi, alla società civile e alle comunità locali, stiamo fornendo interventi salvavita e ci stiamo preparando a potenziali aumenti dei bisogni umanitari. Tuttavia, il costo, la portata e la complessità delle crisi climatiche sono destinati ad aumentare in tutta la regione.  Un sostegno costante e flessibile da parte dei donatori e dei fondi multilaterali per il clima, compresi investimenti congiunti e altri finanziamenti innovativi con i governi nei programmi di prevenzione e preparazione al clima, sarà fondamentale per salvare vite umane e rafforzare la resilienza dei bambini ripetutamente colpiti dalle emergenze climatiche.”

 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie