Australia. Elon Musk rifiuta di eliminare da X il video dell’attacco a Sidney. Albanese: è un “miliardario arrogante”

AgenPress – Il leader australiano Anthony Albanese ha definito Elon Musk un “miliardario arrogante” in una crescente faida dovuta alla riluttanza di X a rimuovere il filmato di un accoltellamento in chiesa.

Lunedì, un tribunale australiano ha ordinato alla società di social media di Musk – precedentemente chiamata Twitter – di nascondere i video dell’attacco della scorsa settimana a Sydney.

X in precedenza aveva affermato che si sarebbe conformato “in attesa di una sfida legale”.

Il miliardario patron di Tesla ha risposto con un post sulla sua piattaforma accusando il premier Anthony Albanese di “censura”.

“La nostra preoccupazione è che se qualsiasi Paese è autorizzato a censurare i contenuti di tutti i paesi, allora cosa impedirà a qualsiasi paese di controllare Internet?”

Martedì, Albanese ha dichiarato  che Musk “pensa di essere al di sopra della legge ma anche al di sopra della comune decenza”.

“Faremo ciò che è necessario per affrontare questo miliardario arrogante che pensa di essere al di sopra della legge, ma anche al di sopra della comune decenza. L’idea che qualcuno vada in tribunale per il diritto di pubblicare contenuti violenti su una piattaforma mostra quanto il signor Musk sia fuori dal mondo”

La scorsa settimana l’eSafety Commissioner australiano, un regolatore indipendente, ha minacciato X e altre società di social media di pesanti multe se non avessero rimosso i video dell’accoltellamento nella chiesa assira di Cristo il Buon Pastore, che la polizia ha definito un attacco terroristico .

X ha sostenuto che l’ordine “non rientra nell’ambito della legge australiana” e che X farà appello contro l’ingiunzione australiana. “Abbiamo già censurato il contenuto in questione per l’Australia, in attesa di ricorso legale, ed è archiviato solo su server negli Stati Uniti”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie