G7. Blinken: impegnati a ridurre l’escalation. Hamas ostacola il cessate il fuoco a Gaza.

AgenPress – Antony Blinken , segretario di Stato americano, si è rivolto oggi alla stampa al termine della riunione dei ministri degli Esteri del G7 tenutasi oggi a Capri, in Italia.

A nome del G7, ha condannato l’attacco iraniano con missili da crociera e droni contro Israele che ha provocato un attacco aereo oggi sulla provincia di Isfahan del paese, che gli Stati Uniti hanno confermato essere stato effettuato da Israele.

“Siamo impegnati per la sicurezza di Israele”, ha detto Blinken. “Siamo anche impegnati a ridurre la tensione.”

Ha osservato che, nonostante le tensioni con Israele e Iran , “rimaniamo fortemente concentrati su Gaza”.

 Blinken ha rifiutato di commentare se gli Stati Uniti avessero ricevuto qualche avvertimento sui piani di Israele di colpire l’Iran questa mattina, ma ha detto: “Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in alcuna operazione offensiva”. Ha ribadito l’impegno del G7 ad allentare le tensioni nella regione.

“Ciò su cui si concentra il G7, e che si riflette nella nostra dichiarazione e nella nostra conversazione, è il nostro lavoro per allentare le tensioni, per allentare ogni potenziale conflitto”, ha affermato. “Abbiamo visto Israele subire un attacco senza precedenti, ma il nostro obiettivo è stato ovviamente quello di garantire che Israele si difendesse efficacemente, ma anche di allentare le tensioni ed evitare conflitti. Questo rimane il nostro obiettivo”.

“L’unica cosa che si frappone tra il popolo di Gaza e un cessate il fuoco è Hamas”, ha detto Blinken. “Ha rifiutato proposte generose da parte di Israele . Sembra più interessato ad un conflitto regionale che ad un cessate il fuoco che migliorerebbe immediatamente la vita del popolo palestinese. Continua a spostare i pali della porta”.

Il G7 sollecita inoltre “la rapida attuazione degli impegni di assistenza umanitaria di Israele” a Gaza

“Abbiamo visto passi importanti nelle ultime due settimane con l’apertura di più valichi, l’arrivo di più aiuti, la circolazione di più aiuti”, ha detto Blinken. “Ma dobbiamo vedere risultati duraturi e dobbiamo vedere, in particolare, la distribuzione in tutta Gaza”.

 “Voglio in primo luogo ripetere la nostra impostazione” che quella di “evitare l’escalation e chiediamo tutte le parti di controllare le loro azioni”. Su Rafah “siamo stati molto chiari: non possiamo essere favorevoli a un’operazione militare a Rafah. Crediamo che si possono raggiungere gli stessi obiettivi con altri mezzi. L’unica cosa è impedisce un cessate il fuoco a Gaza è Hamas, perché ha rifiutato offerte generose da parte di Israele”.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie