L’Iran attaccherà Israele con 100 droni e decine missili entro 24-48 ore. Usa. Kirby: minaccia reale e credibile

AgenPress –  Un attacco dall’Iran su Israele potrebbe includere più di 100 droni e decine di missili indirizzati a obiettivi militari all’interno del territorio dello stato ebraico. Lo hanno rivelato due fonti Usa alla Cbs, notizie riprese anche dai media israeliani. Al tempo stesso, le fonti non hanno escluso che Teheran possa scegliere un’operazione su scala ridotta in modo da evitare una escalation pericolosa.

Israele si sta preparando a un attacco diretto dall’Iran nelle prossime 24-48 ore.

Il leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei , ha accusato Israele e ha detto che “deve essere punito e lo sarà” per un’operazione che secondo lui equivale ad un attacco sul suolo iraniano.
“Sarà molto difficile per l’Iran non reagire”, ha detto Raz Zimmt, ricercatore senior presso l’Istituto israeliano per gli studi sulla sicurezza nazionale.
“Credo ancora che l’Iran non voglia impegnarsi in uno scontro militare diretto su vasta scala contro Israele, e certamente non con gli Stati Uniti. Ma deve fare qualcosa”.

Gli Usa invieranno rinforzi in Medio Oriente sullo sfondo delle minacce iraniane contro Israele: lo ha reso noto un dirigente americano.

“Stiamo spostando risorse aggiuntive nella regione per rafforzare gli sforzi di deterrenza regionale e aumentare la protezione delle forze armate statunitensi”.

Paesi tra cui India, Francia e Russia hanno messo in guardia i propri cittadini dal viaggiare nella regione, già tesa a causa della guerra a Gaza , giunta al suo settimo mese.
Giovedì l’esercito israeliano ha dichiarato di non aver impartito nuove istruzioni ai civili, ma che le sue forze erano in massima allerta e preparate per una serie di scenari.
Il ministero degli Esteri israeliano non ha commentato le notizie secondo cui alcune missioni diplomatiche israeliane sarebbero state parzialmente evacuate e la sicurezza sarebbe stata rafforzata.
“La vendetta arriverà”, ha scritto il più importante quotidiano israeliano, Yedioth Ahronoth. “Per il momento la premessa è che ciò avverrà molto presto, nei prossimi giorni”.
Israele non ha rivendicato la responsabilità dell’attacco aereo del 1° aprile che ha ucciso il generale di brigata Mohammad Reza Zahedi, un alto comandante della Forza Quds d’oltremare del Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane, e altri sei ufficiali mentre partecipavano a una riunione nel complesso dell’ambasciata di Damasco.
Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie