Gli Stati Uniti limitano i viaggi per il proprio personale in Israele, mentre aumentano i timori di un attacco all’Iran

AgenPress – Gli Stati Uniti hanno limitato i viaggi del proprio personale in Israele , mentre crescono i timori di un imminente attacco di ritorsione da parte dell’Iran.

Giovedì l’ambasciata americana a Gerusalemme ha emesso un avviso di sicurezza che limita i suoi dipendenti e i loro familiari dai viaggi personali al di fuori delle grandi aree di Tel Aviv, Gerusalemme e Be’er Sheva fino a nuovo avviso “per estrema cautela”.

L’avvertimento arriva mentre l’esercito israeliano ha promesso che avrebbe difeso il paese e avrebbe risposto, con crescenti aspettative che Teheran reagisse presto all’attacco alla sua ambasciata in Siria che ha ucciso numerosi comandanti anziani. Gli scambi hanno sollevato il timore che la guerra tra Israele e Hamas che ha devastato la Striscia di Gaza possa degenerare in un conflitto più ampio.

Israele non ha mai rivendicato la responsabilità dell’attacco aereo al consolato del suo rivale a Damasco, ma il leader supremo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha detto all’inizio di questa settimana che Israele “deve essere punito e lo sarà”, per quello che considera un attacco efficace sul suolo iraniano.

Gli Stati Uniti hanno promesso sostegno al loro alleato di fronte alle minacce iraniane e hanno lavorato per persuadere Teheran a evitare una significativa escalation, ma Israele ha segnalato la sua disponibilità a qualunque punizione possa arrivare.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha detto giovedì che un attacco iraniano diretto richiederà “un’appropriata risposta israeliana” contro l’Iran, mentre un portavoce delle forze di difesa israeliane, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che il paese è “vigile e altamente preparato” per una varietà di di scenari.

“Chiunque ci faccia del male, noi gli faremo del male”, ha detto giovedì anche il primo ministro Benjamin Netanyahu mentre visitava una base aerea. “Siamo pronti a soddisfare tutte le esigenze di sicurezza dello Stato di Israele, sia a livello difensivo che offensivo”.

Netanyahu condurrà nel pomeriggio una “valutazione della sicurezza” nel mezzo dei preparativi per un attacco iraniano. Alla riunione sono stati invitati – secondo i media – sia il ministro del Gabinetto di guerra Benny Gantz sia quello della difesa Yoav Gallant. Il portavoce dell’esercito Daniel Hagari ha confermato che l’Idf “è in alto allarme”.

Non è chiaro se la ritorsione dell’Iran arriverà sotto forma di un attacco diretto o attraverso la rete di gruppi sostenuti da Teheran che hanno già sferrato attacchi dall’Iraq, dal Libano e dallo Yemen negli ultimi mesi.

Teheran ha finora evitato il confronto diretto con Israele o Washington. Ma il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha affermato giovedì che “la legittima difesa con l’obiettivo di punire l’aggressore” era una necessità in seguito all’attacco al consolato, accusando Israele di prendere di mira sedi diplomatiche in violazione del diritto internazionale, secondo le notizie di stato iraniane.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie