Vietnam. Frode finanziaria per 12 mld di dollari. Condannata a morte una magnate immobiliare

AgenPress – Un tribunale del Vietnam ha condannato a morte la magnate immobiliare Truong My Lan  per il suo ruolo in un caso di frode finanziaria da 304 trilioni di dong (12,46 miliardi di dollari), il più grande mai registrato nel paese, hanno riferito i media statali.

Il suo processo, iniziato il 5 marzo e terminato prima del previsto, è stato il drammatico risultato di una campagna contro la corruzione che il leader del Partito comunista al potere, Nguyen Phu Trong, si è impegnato da anni a reprimere.

Lan, presidente della società immobiliare Van Thinh Phat Holdings Group, è stata giudicata colpevole di appropriazione indebita, corruzione e violazione delle regole bancarie al termine di un processo nel centro degli affari di Ho Chi Minh City, hanno riferito i media statali.

Lan si era dichiarato non colpevole delle accuse di appropriazione indebita e corruzione, ha detto a Reuters Nguyen Huy Thiep, uno degli avvocati di Lan.

“Naturalmente farà appello contro il verdetto”, ha aggiunto sottolineando che è stata condannata a morte per l’accusa di appropriazione indebita e a 20 anni ciascuno per le altre due accuse di corruzione e violazione delle norme bancarie.

Il Vietnam applica la pena di morte soprattutto per reati violenti ma anche per crimini economici. Gruppi per i diritti umani affermano di aver giustiziato centinaia di detenuti negli ultimi anni, principalmente tramite iniezione letale.

Il quotidiano Thanh Nien ha affermato che 84 imputati nel caso hanno ricevuto condanne che vanno dalla libertà vigilata per tre anni all’ergastolo. Tra loro ci sono il marito di Lan, Eric Chu, un uomo d’affari di Hong Kong, condannato a nove anni di carcere, e sua nipote a 17 anni.

Lan ha iniziato come commerciante di cosmetici al mercato centrale di Ho Chi Minh City, aiutando sua madre, ha detto ai giudici durante il processo, secondo i media statali.

Successivamente ha fondato la sua società immobiliare Van Thinh Phat nel 1992, lo stesso anno in cui si è sposata, secondo i media statali.

Secondo gli investigatori, è stata giudicata colpevole, con i suoi complici, di aver sottratto più di 304 trilioni di dong dalla Saigon Joint Stock Commercial Bank (SCB), che controllava effettivamente attraverso dozzine di procuratori nonostante le regole limitassero rigorosamente le grandi partecipazioni negli istituti di credito.

È stata giudicata colpevole di aver corrotto funzionari per persuadere le autorità a distogliere lo sguardo, incluso il pagamento di 5,2 milioni di dollari a un ispettore senior della banca centrale, Do Thi Nhan, che è stato condannato all’ergastolo.

La repressione della corruzione in Vietnam, soprannominata “Fornace Ardente”, ha visto centinaia di alti funzionari statali e dirigenti aziendali di alto profilo perseguiti o costretti a dimettersi.

La corruzione è così diffusa che in alcune province molte persone dicono di pagare tangenti solo per ottenere servizi medici negli ospedali pubblici, secondo un recente sondaggio del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie