Ue. Via libera del Parlamento al Patto per le migrazioni e l’asilo. Von der Leyen: ora nessuno è solo

AgenPress –  Il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva tutti i dieci provvedimenti che compongono il Patto per le migrazioni e l’asilo.

Il maxipacchetto – uno dei più importanti di questa legislatura – era stato presentato a settembre 2020 ed è stato concordato, dopo oltre tre anni di negoziati serrati, sia in seno al Parlamento che, soprattutto, tra gli Stati membri.

La commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johansson, volto di questa proposta insieme al vicepresidente Margaritis Schinas, ha scritto su X: “Grazie per il coraggio di scendere a compromessi. Il voto di oggi è un grande risultato. Potremo tutelare meglio le nostre frontiere esterne, i vulnerabili e i rifugiati, rimpatriano rapidamente coloro che non hanno diritto a restare, con la solidarietà obbligatoria tra gli Stati membri”.

Il voto di mercoledì, che ora dovrebbe essere approvato dagli Stati membri, pone fine a otto anni di stallo nei ripetuti sforzi per rendere più rigorosa la gestione delle frontiere e i processi di asilo nel blocco dei 27 membri.

I sostenitori delle leggi, che avevano condotto una campagna per far approvare la legislazione di fronte alla crescente popolarità dell’estrema destra prima delle elezioni del Parlamento europeo di giugno, hanno colto l’iniziativa come una grande vittoria.

Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo, ha scritto su X: “Si è fatta la storia. Abbiamo creato un solido quadro legislativo su come gestire la migrazione e l’asilo nell’UE. Ci sono voluti più di 10 anni per realizzarlo. Ma abbiamo mantenuto la parola data. Un equilibrio tra solidarietà e responsabilità. Questa è la via europea”.

“Oggi è davvero una giornata storica. Dopo anni di intenso lavoro, il Patto su migrazione e asilo diventa realtà. È un risultato enorme per l’Europa. E questo eccellente risultato si basa sull’eccellente lavoro di tanti altri. Vorrei quindi iniziare ringraziando il Vicepresidente Schinas e il Commissario Johannsson per il vostro straordinario e instancabile lavoro. Tu e i tuoi team avete lavorato così duramente per così tanti anni per realizzare questo giorno. Cara Roberta, voglio anche ringraziare te e il Parlamento Europeo per la tua dedizione e per l’eccellente collaborazione. Questo è stato davvero sorprendente. E voglio ringraziare le successive Presidenze del Consiglio, e comincio da te, caro Alexander, la Presidenza belga, che ci hai portato al traguardo. Grazie mille”.

Lo ha detto la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen al Parlamento Europeo dopo l’approvazione del Patto sulla migrazione e l’asilo, rispondendo a una domanda se il Patto potrà aiutare in concreto Paesi come Italia, Spagna, Grecia e Malta.

“Comprendiamo tutti questa verità fondamentale. La migrazione è una sfida europea che deve essere affrontata con una soluzione europea. Uno che sia efficace, giusto e fermo. Questo è ciò che offre il Patto sulla migrazione e l’asilo. Farà davvero la differenza per tutti gli europei. Innanzitutto, frontiere europee più sicure. Sapere esattamente chi attraversa i nostri confini, registrando e controllando tutti, garantendo al tempo stesso la tutela dei diritti fondamentali attraverso un monitoraggio indipendente. In secondo luogo, procedure più rapide ed efficienti per l’asilo e il rimpatrio. Ciò significa che chi non ha diritto di asilo non potrà entrare nell’Unione Europea, mentre chi fugge da guerre o persecuzioni potrà contare sulla protezione di cui ha bisogno. Il Patto trova il giusto equilibrio tra norme più severe contro l’abuso del sistema e l’attenzione ai più vulnerabili. E in terzo luogo, maggiore solidarietà con gli Stati membri alle nostre frontiere esterne. Perché gestiscono la pressione dell’immigrazione clandestina. Tutti gli Stati membri prenderanno quindi parte a questo sforzo di solidarietà, ma sceglieranno il modo migliore per farlo. Allo stesso tempo non possono essere consentiti movimenti secondari all’interno dell’Unione Europea. Le nuove norme prevedono una più stretta collaborazione tra gli Stati membri per fermare i movimenti secondari. 

In sostanza, il Patto riguarda il modo migliore per unire le nostre forze. Lo faremo in modo da rispettare il nostro obbligo, come parte della comunità internazionale, di sostenere coloro che hanno diritto alla protezione internazionale. Lo abbiamo realizzato in passato e continueremo a farlo. Ma dobbiamo essere noi a decidere chi arriva nell’Unione europea e in quali circostanze, non i contrabbandieri e i trafficanti.

Con il Patto in vigore disponiamo del quadro giuridico di cui abbiamo bisogno. Questa è una gamba. La seconda tappa è il nostro sostegno operativo agli Stati membri. Continueremo a fornire loro soluzioni su misura in materia di gestione delle frontiere, lotta contro i trafficanti e rimpatri. E continueremo a rispondere alle crisi, da Lampedusa al confine finlandese, dalle Isole Canarie a Cipro. Parallelamente, porteremo avanti anche il nostro lavoro con i partner globali, sviluppando partenariati con i paesi di origine e di transito in modo da poter affrontare insieme le cause profonde della migrazione. Questo impegno è diventato un pilastro essenziale del nostro lavoro. E sta dando risultati.

Per concludere, sono orgogliosa di dire: abbiamo fornito una soluzione europea. Ma il nostro lavoro non è ancora finito. E devono essere la stessa determinazione e unità che ci hanno portato fino ad oggi a guidarci per rendere il Patto un vero successo in Europa”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie