Mozione di sfiducia a Santanché, indagata per falso in bilancio e truffa ai danni dell’Inps

AgenPress – La mozione di sfiducia era stata presentata dal Movimento 5 stelle, ma la sosterranno anche i partiti del centrosinistra e Azione di Carlo Calenda. Per Santanchè, oggi assente in Aula, è  la seconda volta che il Parlamento discute una mozione di sfiducia. Era già avvenuto nel luglio dello scorso anno, al Senato, quando la proposta fu discussa e poi respinta nettamente. Quello stesso testo alla Camera era rimasto sospeso, ma il M5s l’ha recuperato, aggiornato e ripresentato a seguito della nuova indagine sulla ministra, per truffa ai danni dell’Inps. Tra oggi e domani, poi, la Camera si occuperà anche della mozione di sfiducia nei confronti del ministro Salvini.

L’accusa più recente nei confronti della ministra riguarda l’indagine per truffa ai danni dell’Inps: l’ipotesi della Procura di Milano è che nel periodo della pandemia la società Visibilia Editore abbia messo tredici dipendenti in cassa integrazione Covid a zero ore (con stipendi pagati dallo Stato) a loro insaputa.

Così, i dipendenti avrebbero continuato a lavorare e l’azienda avrebbe ottenuto illegalmente circa 126mila euro di fondi pubblici. Non è ancora noto se la Procura chiederà il rinvio a giudizio. Per di più, Santanché è indagata per falso in bilancio, cosa che era già nota quando il Senato votò la prima mozione di sfiducia a luglio 2023. Anche in questo caso non si sa ancora se ci sarà la richiesta di rinvio a giudizio, che nel caso dovrebbe arrivare nelle prossime settimane.

“L’opposizione fa la sua parte rendendo più forte la maggioranza. Sono zero preoccupata: male non fare, paura non avere”, ha replicato dirlo è la ministra del Turismo.

“Non ho sentito Meloni in queste ore ma la sento spesso e la vedo a ogni Consiglio dei ministri”, ha aggiunto. Anche la mozione di sfiducia nei confronti del ministro dei Trasporti Matteo Salvini è in calendario: da ambienti parlamentari si apprende che il centrodestra vorrebbe chiedere l’inversione dell’ordine del giorno dei lavori e mettere al voto, subito dopo l’esame della proposta di legge sui teatri storici, le due mozioni di sfiducia, in modo da “chiudere il capitolo” entro oggi.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie