Gaza: sette operatori umanitari uccisi in un attacco aereo

AgenPress. L’organizzazione umanitaria World Central Kitchen (WCK) ha confermato la morte di sette dei suoi dipendenti nella Striscia di Gaza in un attacco aereo contro un convoglio umanitario.

Il convoglio è stato colpito nonostante il viaggio fosse stato coordinato con l’esercito israeliano, ha scritto in un comunicato l’organizzazione umanitaria. Gli operatori umanitari avevano appena lasciato un magazzino nella città di Deir al-Balah, nella parte centrale della Striscia di Gaza, quando sono stati attaccati. Lì hanno scaricato più di 100 tonnellate di aiuti alimentari umanitari che sono stati portati nella Striscia di Gaza via mare.

L’esercito israeliano si è rammaricato dell’attacco e ha promesso un’indagine interna
“Questo non è solo un attacco alla WCK, è un attacco alle organizzazioni umanitarie che si trovano in situazioni terribili in cui il cibo viene utilizzato come arma in guerra”, ha affermato il direttore esecutivo dell’organizzazione, Erin Gore. “Questo è imperdonabile”. Secondo il comunicato, le sette vittime provenivano da Australia, Polonia, Gran Bretagna e territori palestinesi – e una delle vittime ha anche la cittadinanza statunitense e canadese.

Il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha condannato l’attacco aereo nella Striscia di Gaza. Il rappresentante degli affari esteri dell’Unione europea ha reso omaggio ai dipendenti delle ONG uccisi e ha sollecitato un’indagine. “Nonostante tutti gli appelli a proteggere i civili e gli operatori umanitari, ci sono nuove vittime innocenti”.

La Polonia ha chiesto chiarimenti a Israele alla luce delle notizie sulla morte di un operatore umanitario polacco. Il ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski ha scritto sulla Piattaforma X di aver chiesto personalmente chiarimenti urgenti all’ambasciatore israeliano Jakov Livne. “Mi ha assicurato che la Polonia avrebbe ricevuto tutti i risultati delle indagini su questa tragedia”.

Un portavoce del ministero ha detto che i corpi delle vittime molto probabilmente verranno portati al Cairo, capitale egiziana, e lì identificati. “Tutto indica che tra le persone uccise c’è un polacco, ma potremo dare il nome di questa persona solo dopo che il console polacco l’avrà identificato.”

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha confermato la morte dell’operatrice umanitaria 44enne Lalzawmi “Zomi” Frankcom e ha chiesto che i responsabili siano ritenuti responsabili. “Questa è una tragedia umana che non sarebbe mai dovuta accadere”, ha detto ai giornalisti.

Negli Stati Uniti, la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Adrienne Watson è rimasta scioccata. “Gli operatori umanitari devono essere protetti mentre forniscono gli aiuti urgentemente necessari e chiediamo a Israele di indagare rapidamente sull’incidente”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie