Cgia. Nel 2022, 500mila ragazzi hanno lasciato la scuola. Oltre 55mila i “cervelli in fuga”. Una “piaga” con costo sociale spaventoso

AgenPress – Nel 2022 i giovani che in Italia hanno abbandonato la scuola prematuramente sono stati 465.000, pari all’11,5 per cento della popolazione presente nella fascia di età compresa tra i 18-24 anni.

Sempre nello stesso anno, invece, i cosiddetti “cervelli in fuga” che se ne sono andati dal nostro Paese per trasferirsi all’estero sono stati 55.500. In buona sostanza i primi sono un numero 8 volte superiore a quello dei secondi.

Sono due problematiche estremamente delicate che, tuttavia, continuano ad avere, da parte dell’opinione pubblica, livelli di attenzione molto diversi.

Se la dispersione scolastica non è ancora avvertita come una piaga educativa con un costo sociale spaventoso, la “fuga” all’estero di tanti giovani, invece, lo è, sebbene il numero della prima criticità sia molto superiore a quello della seconda. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA.

  • Per tante Pmi sarà difficile trovare personale preparato

Se a queste specificità che caratterizzano il nostro mondo giovanile aggiungiamo anche la crisi demografica in corso e la “rivoluzione digitale” ormai alle porte, tutto ciò avrà delle ricadute pesantissime anche per le nostre imprese. Con sempre meno giovani e per una parte importante di essi con un livello di istruzione insufficiente, per tantissime Pmi trovare del personale preparato da inserire nei processi produttivi sarà una mission impossibile.

  • Abbiamo pochi diplomati e laureati

L’Italia, rispetto ai principali Paesi dell’Unione Europea, nel campo dell’istruzione/formazione scolastica presenta due grossi problemi:

  • un basso numero di diplomati e di laureati, soprattutto in materie scientifiche. Se in tempi ragionevolmente brevi non riusciremo a recuperare il gap con i nostri competitor, corriamo il pericolo di un impoverimento generale del sistema Paese;
  • una elevata povertà educativa che, secondo gli esperti, va di pari passo con la povertà economica. Le cause che determinano la “fuga” dai banchi di scuola sono principalmente culturali, sociali ed economiche: i ragazzi che provengono da ambienti socialmente svantaggiati e da famiglie con un basso livello di istruzione hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola prima di aver completato il percorso di studi che li porta a conseguire almeno il diploma di maturità.
  • L’Italia, rispetto ai principali Paesi dell’Unione Europea, nel campo dell’istruzione e della formazione scolastica presenta due grossi problemi. Il primo è un basso numero di diplomati e di laureati, soprattutto in materie scientifiche. Se in tempi ragionevolmente brevi non riusciremo a recuperare il gap con i nostri competitor, si corre il pericolo di un impoverimento generale del sistema Paese. In più, una elevata povertà educativa che, secondo gli esperti, va di pari passo con la povertà economica. Le cause che determinano la ‘fuga’ dai banchi di scuola sono principalmente culturali, sociali ed economiche: i ragazzi che provengono da ambienti socialmente svantaggiati e da famiglie con un basso livello di istruzione hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola prima di aver completato il percorso di studi che li porta a conseguire almeno il diploma di maturità. A livello territoriale sono le regioni del Sud che presentano i livelli di abbandono scolastico più elevati. Dal confronto tra la dispersione scolastica e la ‘fuga di cervelli’ è la Campania a presentare il gap più elevato (la prima è numericamente 16 più grande della seconda).
  • Seguono la Puglia e la Sicilia con 14, e la Toscana e la Sardegna con 8. Sebbene l’abbandono scolastico sia in calo in tutta Europa, tra i 20 Paesi dell’Eurozona nel 2022 l’Italia era al terzo posto tra i giovani tra i 18 e i 24 anni (11,5% sulla popolazione corrispondente). Solo la Spagna (13,9%) e la Germania (12,2) presentavano un risultato peggiore dell’Italia. La media dell’Area Euro era il 9,7%.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie