Afghanistan. Sotto il regime talebano il lavoro minorile è aumento del 38% rispetto allo scorso anno

AgenPress – Save the Children ha riferito che il lavoro minorile in Afghanistan è aumentato del 38% rispetto allo scorso anno.

Un funzionario di questa organizzazione ha detto s che più di due milioni di persone, di cui il 50% sono bambini, hanno bisogno di aiuti umanitari immediati.

Arshad Malik, direttore nazionale di Save the Children in Afghanistan, ha dichiarato: “Come ho detto prima, c’è un aumento di circa il 38% nel numero di bambini che ora sono coinvolti nel lavoro minorile, e noi (con il nostro) lavoro stiamo sostenendo questi bambini con il programma per i bambini di strada che stiamo attuando a Kabul e a Nangarhar. Per quanto riguarda le reali cause della crescita, come ho detto, la situazione economica, la riduzione dei finanziamenti, la crisi che l’Afghanistan sta affrontando, il cambiamento climatico e anche l’impatto della mancanza di operazioni nel settore bancario come il commercio internazionale, tutto ciò che ha un impatto sull’economia complessiva dell’Afghanistan e che ha un impatto sui bambini, e le famiglie costringono i bambini a lavorare fuori casa, cosa che li priva”.

Il direttore nazionale ha affermato che dopo che l’Emirato islamico è salito al potere, l’organizzazione ha fornito 200 milioni di dollari in aiuti al popolo afghano.

Nel frattempo, l’Emirato Islamico chiede alle agenzie umanitarie di coordinare la loro assistenza con il governo provvisorio per raggiungere la popolazione afghana.

Zabihullah Mujahid, portavoce dell’Emirato islamico, ha dichiarato: “Il popolo afghano ha bisogno di aiuto in vari settori, la loro cooperazione (delle agenzie umanitarie) è encomiabile nel settore medico, nell’aiuto ai poveri e nella creazione di posti di lavoro per la popolazione. “

Alcuni bambini lavoratori hanno affermato che, a causa delle sfide economiche, sono costretti a svolgere lavori pericolosi.

“Le mie sorelle a casa hanno fame e non abbiamo nulla da mangiare, quindi sono impegnata con la vendita ambulante”, ha detto Maryam, una bambina lavoratrice.

“Vorremmo studiare come gli altri bambini”, ha detto Ajmal, un bambino lavoratore.

In precedenza, l’UNICEF aveva definito il 2023 un anno disastroso per i bambini in Afghanistan, affermando che più di un terzo dei bambini in Afghanistan sono impegnati in lavori pericolosi.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie