Armenia. Segretario sicurezza chiede a Mosca di rimuovere le guardie di frontiera dall’aeroporto di Yerevan

AgenPress – L’Armenia ha dichiarato di aver chiesto ufficialmente alla Russia di ritirare le sue  guardie di frontiera dall’aeroporto di Yerevan.

“L’Armenia ha una posizione chiara su questo tema e ha informato la Russia con una lettera ufficiale”, ha detto ai giornalisti il ​​segretario del Consiglio di sicurezza armeno, Armen Grigoryan.

In base a un accordo firmato nel 1992 con l’Armenia, la Russia mantiene  diversi distaccamenti di guardie di frontiera in località in tutto il paese del Caucaso meridionale, compreso l’aeroporto Zvartnots di Yerevan.

Sebbene Mosca sia stata storicamente uno stretto alleato dell’Armenia, le relazioni tra i due paesi si sono inasprite lo scorso anno dopo che le forze di pace russe non sono intervenute quando l’Azerbaigian ha preso il controllo della regione contesa del Nagorno-Karabakh.

La settimana scorsa, il presidente del parlamento armeno ha affermato che sarebbe “corretto” che le guardie di frontiera russe lasciassero l’aeroporto di Zvartnots, aggiungendo che “noi stessi proteggeremo i confini del nostro Paese”.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che “nessuno ci ha comunicato queste decisioni [sul potenziale ritiro delle guardie di frontiera] attraverso i canali ufficiali”.

L’annuncio di mercoledì arriva una settimana dopo che l’Armenia ha dichiarato di aver sospeso la sua partecipazione all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) guidata da Mosca.

Yerevan ha boicottato un vertice della CSTO alla fine dello scorso anno e il primo ministro armeno Nikol Pashinyanin ha affermato che il suo paese “ritiene che la CSTO non abbia raggiunto i suoi obiettivi nei confronti dell’Armenia nel 2021 e nel 2022”.

Ha anche accusato Mosca di condurre una “campagna di propaganda coordinata” contro lui e il suo governo.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie