Il regime di Putin è totalitario e nazista. Non solo uccide, ma distrugge l’anima e la vita di tutte le persone viventi

AgenPress – “Il regime di Putin è un regime totalitario. A partire dal 2014, dopo la presa della Crimea, quando Putin si rese conto che aveva bisogno dell’ideologia per mantenere il suo potere, iniziò la transizione da un regime autoritario a un regime totalitario con un’ideologia molto eclettica e mista, direi più nazista che comunista, ma anche entrambi sono presenti in questa modalità. Naturalmente, non in una forma così sistematica e chiara come lo era sotto il comunismo, quindi è un’ideologia piuttosto debole, un regime totalitario debole”.

Lo dice l’attivista per i diritti umani Yuri Yarym-Agaev , capo del centro per lo studio delle ideologie totalitarie.

“Uso il nazismo non in senso emotivo, non come una parolaccia, ma nella sua definizione esatta. Il nazismo è infatti nazionalsocialismo, come veniva chiamato in Germania. In epoca sovietica questa abbreviazione veniva sempre usata perché non si voleva usare la parola “socialismo”. Ma la definizione esatta del nazismo è socialismo totalitario nazionale. La definizione di comunismo è socialismo totalitario internazionale. La differenza è nazionale o internazionale. Ma sono molto vicini, perché entrambi sono regimi di socialismo totalitario. Tutti questi attributi sono presenti in Russia adesso. Sì, è totalitario, sì, è socialismo e in larga misura nazionale. Voglio tornare alla tesi: autoritarismo contro totalitarismo, perché è esattamente lì che tutto ha avuto inizio in Russia”.

I regimi totalitari sono governati dall’ideologia, non dalle persone. Cioè, le persone sono subordinate a questa ideologia. Questa è una distinzione estremamente importante. Nei regimi autoritari, governa un dittatore, non vincolato da alcuna ideologia e non obbligato ad attuare l’ideologia. L’ideologia totalitaria è espansionistica e aggressiva: questo è inerente a questa ideologia. Di conseguenza, tutti i paesi totalitari si comportano in conformità con questo. Tutte le grandi guerre sono iniziate di recente, che si tratti di Hitler, o Stalin, o l’attuale Putin – questa, tra l’altro, è una delle prove che sta diventando un sovrano totalitario, sono tutte iniziate da paesi totalitari. Di conseguenza, il totalitarismo è sempre ostile all’America e alla democrazia: anche questa è una conseguenza dell’ideologia. Ma la cosa principale è che questa è la situazione all’interno. Un regime totalitario è chiamato totalitario proprio perché controlla rigorosamente tutti gli ambiti della vita umana, non solo quello politico, religioso, culturale, economico e tutto il resto. Un regime autoritario è veramente una dittatura; non consente l’opposizione politica e la affronta, ma lascia abbastanza liberi tutti gli altri ambiti della vita, compresa l’economia. Pertanto, la maggior parte dei regimi autoritari sono abbastanza prosperi dal punto di vista economico, mentre i regimi totalitari sono caratterizzati da economie molto deboli. Uno dei segnali che il regime di Putin è passato da autoritario a totalitario è che il governo controlla sempre più tutti gli aspetti della vita delle persone. Non era così 10 anni fa; Putin infatti trattava molto duramente qualsiasi opposizione politica, ma allora non interferiva particolarmente nella cultura e in altri ambiti della vita. Ora, come vediamo, questo accade continuamente. In primo luogo, un numero enorme di spettacoli viene censurato e chiuso, i libri sono vietati, le figure letterarie e artistiche vengono perseguitate: questo è un tipico segno di totalitarismo, non di autoritarismo. E questo vale per tutti gli altri ambiti della vita. Anche il numero delle repressioni è in forte aumento. E, cosa più importante, come per la maggior parte della popolazione, i regimi totalitari distruggono non solo i corpi delle persone, ma distruggono anche le anime e le vite di tutti gli esseri viventi rimasti. La vita sotto un regime totalitario è paralizzata per tutte le persone”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie