Mosca. Prosegue l’omaggio dei russi sulla tomba di Alexey Navalny. Il suo nome era equiparato a “simbolo estremista”

AgenPress –  I russi hanno fatto la fila sabato per deporre fiori sulla tomba del defunto politico dell’opposizione Alexei Navalny, con persone in lutto che lo acclamavano come simbolo di speranza e perseveranza il giorno dopo la sua sepoltura a Mosca.
La madre di Navalny, Lyudmila, era tra le persone in lutto, visitando la tomba di suo figlio per il secondo giorno, accompagnata dalla madre della vedova di Alexei, Yulia. Entrambe le donne, vestite di nero, sono rimaste in silenzio accanto alla tomba, prima di andarsene.
Navalny, che era il più feroce critico del presidente Vladimir Putin in Russia, è morto all’età di 47 anni in una colonia penale artica il 16 febbraio.
I sostenitori hanno detto che era stato assassinato. Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento dello Stato nella sua morte.
Migliaia di persone hanno partecipato venerdì alla cerimonia di addio di Navalny, alcuni dei quali hanno cantato il suo nome e affermato che non avrebbero perdonato le autorità russe per la sua morte.
Sabato, la tomba in un cimitero di Mosca, lontano dal luogo in cui viveva, era ricoperta di fiori lasciati da migliaia di persone in lutto.
“È stato lui ad aprirmi gli occhi sulla situazione politica esistente in Russia”, ha detto una persona in lutto, che non ha dato il suo nome, di Navalny, che è salito alla ribalta con blog che denunciavano quella che secondo lui era una vasta corruzione nell’élite russa. .
“Ho seguito da vicino tutte le sue indagini. Le ho mostrate ai miei amici che non erano molto interessati (di politica). Ho provato a mostrarle ai miei genitori, ma è stato più difficile. Amo la verità, amo l’onestà e non Sono molto felice quando la verità vince.”
Il Cremlino ha respinto le accuse di corruzione di Navalny e le sue accuse secondo cui Putin possedeva un’enorme ricchezza personale. Il movimento di Navalny è fuori legge e la maggior parte dei suoi alleati più anziani sono fuggiti dalla Russia e ora vivono in Europa.
I tribunali di quattro regioni della Russia hanno equiparato il nome di  Alexey Navalny a simboli estremisti.

Lo riferisce il progetto per i diritti umani “Primo Dipartimento”.

Il progetto si riferisce a tre risoluzioni di violazione amministrativa emesse nei confronti dei partecipanti alle manifestazioni in memoria di Navalny a Chelyabinsk, Krasnodar e Murmansk. In precedenza è stato riferito del protocollo per la menzione di Navalny a Ulyanovsk.

I tribunali hanno imposto arresti amministrativi ai manifestanti a causa del nome di Navalny sui loro manifesti. Nelle sentenze, i tribunali hanno fatto riferimento al fatto che la Fondazione anticorruzione, riconosciuta dalle autorità russe come organizzazione estremista, ha ripetutamente utilizzato il nome e il cognome “Alexei Navalny” come “attributi e simboli”.

“Il cognome di Navalny non è stato bandito da alcuna decisione del tribunale e non può essere bandito”, scrive il Primo Dipartimento. Gli attivisti per i diritti umani ritengono che, data una geografia così ampia, la punizione per i cognomi possa essere considerata una pratica e non un eccesso locale.

Le autorità russe hanno dichiarato organizzazioni estremiste la FBK e il quartier generale di Alexei Navalny nel 2021. La dimostrazione dei loro simboli è punibile fino a sanzioni penali.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie