Onu. Un quarto della popolazione di Gaza è a un passo dalla carestia. Molti gli animali morti di fame

AgenPress – Almeno un quarto della popolazione di Gaza – 576.000 persone – è a un passo dalla carestia e praticamente l’intera popolazione ha un disperato bisogno di cibo, con il risultato che alcuni camion degli aiuti sono stati colpiti, saccheggiati e travolti da persone affamate, alti funzionari delle Nazioni Unite. 

1 bambino su 6 sotto i due anni nel nord di Gaza soffre di “malnutrizione acuta e deperimento”.

I funzionari dell’ufficio umanitario delle Nazioni Unite e delle organizzazioni alimentari e agricole delle Nazioni Unite hanno dipinto un quadro terribile di tutti i 2,3 milioni di persone a Gaza che si trovano ad affrontare livelli di crisi di insicurezza alimentare o peggio, e l’ordine civile che crolla soprattutto nel nord dove cibo e altre forniture umanitarie sono scarso.

E per quanto cupo sia il quadro oggi, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite Ramesh Ramasingham ha dichiarato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che “ci sono tutte le possibilità di un ulteriore deterioramento”.

Carl Skau, vicedirettore esecutivo del Programma alimentare mondiale, ha affermato che si tratta “del peggior livello di malnutrizione infantile in qualsiasi parte del mondo”. E ha avvertito che “Se non cambia nulla, una carestia è imminente nel nord di Gaza” – l’obiettivo iniziale dell’offensiva militare israeliana dopo l’attacco a sorpresa di Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre che ha ucciso circa 1.200 persone e ha portato alla cattura di circa 250 persone.

Maurizio Martina, vicedirettore generale dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, ha descritto lo stato terribile dei terreni agricoli, delle serre, dei panifici e dei sistemi di irrigazione essenziali per produrre, trasformare e distribuire il cibo.

Dal 9 ottobre – due giorni dopo gli attacchi di Hamas – “il blocco rafforzato del governo israeliano ha incluso l’arresto o la limitazione delle forniture di cibo, elettricità e carburante, nonché di beni commerciali”, ha detto. Ciò ha influenzato l’intera filiera alimentare in modi diversi, ha affermato Martina.

Il funzionario della FAO ha presentato dati ancora più allarmanti relativi all’offensiva israeliana: un elevato numero di ricoveri per animali e allevamenti di pecore e latticini distrutti, oltre un quarto dei pozzi d’acqua distrutti e 339 ettari di serre distrutti. E ha detto che la guerra ha avuto un impatto pesante anche sulla raccolta delle olive e degli agrumi, una delle principali fonti di guadagno palestinesi.

Per quanto riguarda gli animali, ha detto Martina, molti proprietari di bestiame riferiscono perdite sostanziali, tutto il pollame è stato probabilmente macellato e si ritiene che circa il 65% dei vitelli e il 70% dei bovini da carne siano morti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie