Cremlino. Putin straparla per due ore, ma dimentica di aver fatto uccidere Alexey Navalny. Ue, è lui il responsabile

AgenPress – Putin ha straparlato per circa due ore, coprendo una serie di argomentazioni, dalle minacce all’Occidente, alle armi nucleari, al non ritiro dall’Ucraina fino alla politica interna della RussiaMa c’era un nome che si è rifiutato di menzionare: Alexey Navalny, il critico più importante di Putin.

La morte di Navalny in una colonia penale artica russa all’inizio di questo mese ha scatenato un’ondata globale di tributi e manifestazioni anti-Putin, con i suoi sostenitori convinti che la sua morte fosse un assassinio politico.

Centinaia di persone sono state arrestate a Mosca, San Pietroburgo e in altre città russe per aver deposto fiori in sua memoria.

Navalny sarà sepolto venerdì a Mosca. Era visto come una minaccia dal Cremlino per la sua capacità di portare in piazza un gran numero di manifestanti per inveire contro il governo.

Nel 2017 gli è stato impedito di candidarsi alle elezioni generali e le sue organizzazioni sono state bandite dallo Stato russo.

Nel 2020, Navalny è crollato durante un volo sopra la Siberia. È stato portato d’urgenza per cure in Germania dove i test hanno dimostrato che era stato avvelenato con l’agente nervino Novichok.

Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento, anche se Putin ha ammesso che lo Stato teneva sotto sorveglianza Navalny.

Navalny è tornato a Mosca nel 2021. È stato immediatamente arrestato. È morto in circostanze ancora da accertare, ma la sua vedova Yulia Navalnaya insiste che il responsabile è Putin, così come per l’Eurocamera è “personalmente la responsabilità penale e politica per la morte del suo più forte avversario: Alexei Navalny. Lo dice l’Eurocamera in una risoluzione approvata con 506 voti a favore 9 contrari e 32 astenuti. Il popolo russo tuttavia non deve essere confuso con il “regime guerrafondaio, autocratico e cleptocratico del Cremlino”,.

Gli eurodeputati chiedono agli Stati membri ad intensificare i loro sforzi per trovare modi possibili per liberare coloro che soffrono la detenzione e la repressione, compresa l’opzione di possibili scambi di detenuti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie