Afghanistan. Blinken: “le restrizioni dei talebani sulle donne sono violazione dei diritti umani”

AgenPress – Intervenendo al vertice dell’Alleanza per la resilienza economica delle donne afghane, Antony Blinken ha affermato che i decreti “talebani” violano i diritti umani e le loro principali libertà, che sono contro la volontà del popolo afghano.

Ha detto che l’accesso delle donne al lavoro può contribuire fino a un miliardo di dollari all’economia dell’Afghanistan.

“Le restrizioni dei talebani stanno anche soffocando il potenziale dell’Afghanistan. Se le donne e le ragazze potessero studiare e lavorare, l’intero Paese ne trarrebbe beneficio. Se le donne potessero portare il cibo in tavola, aggiungerebbero oltre un miliardo di dollari all’economia afghana. Le pari opportunità sono un prerequisito per una pace e una sicurezza sostenibili, quindi tutti questi contributi aiuteranno una società più resiliente. Questa è la perdita dell’Afghanistan perché alle donne e alle ragazze non è permesso di raggiungere il loro pieno potenziale”, ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken, il quale  ha aggiunto che l’Alleanza per la resilienza economica delle donne afghane lancerà tre programmi per le donne afghane.

“In primo luogo, l’alleanza fornirà formazione virtuale e corsi di sviluppo delle competenze per le donne afghane in tutto il mondo in modo che possano trovare lavoro e guadagnare un reddito. In secondo luogo, gli Stati Uniti e la fondazione Education Above All forniranno borse di studio affinché le donne afghane rifugiate negli Stati Uniti possano conseguire la laurea e il master. Infine, l’alleanza continuerà a fornire opportunità alle donne afghane di tutto il mondo di lavorare con mentori nei loro campi”. 

“Se tali programmi venissero attuati dalle donne che si trovano all’interno del paese e si concentrassero sulle donne vulnerabili, sarebbe meglio”, ha affermato Salma Yousufzai, capo della Camera di commercio e industria femminile. 

Nel frattempo, l’inviato speciale degli Stati Uniti per i diritti umani e le donne afghane presente all’incontro ha affermato che gli Stati Uniti e la comunità internazionale sono impegnati a sostenere le donne afghane.

“In primo luogo, le donne e le ragazze afghane non ci chiedono di vederle come vittime, ci chiedono di riconoscere la loro dignitosa lotta per i loro diritti. Due, vogliono che li coinvolgiamo come partner e tre, ci chiedono di essere guidati dalla loro creatività, dalla loro resilienza e dalla loro determinazione”, ha affermato l’inviata speciale degli Stati Uniti per i diritti umani e le donne afghane, Rina Amiri.

Sono passati 898 giorni da quando le scuole femminili oltre la prima media sono state chiuse e 890 giorni da quando il Ministero dell’Economia dell’Emirato Islamico ha annunciato il divieto dell’impiego delle donne afghane nelle ONG.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie