La ripresa verde in Ucraina è un imperativo strategico per l’UE. L’ambiente è vittima silenziosa della guerra

AgenPress – Due anni di brutale invasione su vasta scala da parte della Russia hanno inflitto gravi danni ambientali all’Ucraina, colpendo la ricca biodiversità del paese, contaminando il territorio e le risorse idriche e ponendo una minaccia diretta alla salute e alla sicurezza pubblica. Affrontare queste sfide è fondamentale per l’ambiente, ma anche per la pace, la stabilità e la salute a lungo termine del continente europeo.

Il presidente Volodymyr Zelenskyj, nel suo Piano di pace in 10 punti , ha giustamente evidenziato la tutela immediata dell’ambiente come precondizione per una pace giusta e duratura. È notevole quanto l’Ucraina sia impegnata a mitigare il più possibile l’ impatto ambientale a lungo termine della guerra.

Un gruppo di lavoro di alto livello ha recentemente formulato una possibile via da seguire in un documento intitolato “Un patto ambientale per l’Ucraina”. Il documento contiene una serie completa di raccomandazioni e delinea una tabella di marcia per il recupero ambientale dell’Ucraina, evidenziando i destini intrecciati della sostenibilità ecologica e della stabilità regionale. L’UE ha un ruolo fondamentale da svolgere in questo contesto e può dimostrare il proprio impegno per la tutela dell’ambiente e l’impegno geopolitico strategico sostenendo l’Ucraina in questi sforzi.

La prossima settimana, il Parlamento europeo dovrebbe approvare il tanto atteso meccanismo di sostegno da 50 miliardi di euro (54 miliardi di dollari) per l’Ucraina. Con una corretta attuazione, lo strumento pluriennale per l’Ucraina può fungere da modello per affrontare la distruzione ambientale causata dalla guerra e sostenere una ripresa sostenibile. Nella migliore delle ipotesi, lo strumento per l’Ucraina può aiutare a avviare l’Ucraina sulla strada verso un’economia verde, a zero emissioni nette.

Sostenere la transizione dell’Ucraina verso un’economia verde è un’opportunità per l’UE di promuovere l’innovazione, la tecnologia verde e le pratiche sostenibili in una regione fondamentale per i suoi interessi strategici. Gli investimenti nelle energie rinnovabili, nell’agricoltura sostenibile e nelle infrastrutture verdi in Ucraina possono servire da modello per altri paesi europei, in particolare quelli sulla via dell’adesione all’UE.

Non c’è dubbio che l’entità dello sforzo di ricostruzione sarà enorme. Finché la guerra continuerà, i costi umani e ambientali aumenteranno. Si prevede che il sostegno urgentemente necessario dello strumento per l’Ucraina servirà principalmente a soddisfare le esigenze di bilancio immediate dell’Ucraina, come il pagamento degli stipendi di insegnanti, medici e altri lavoratori essenziali. È necessario molto più sostegno internazionale affinché l’Ucraina possa riprendersi dalla guerra, ricostruire meglio e affrontare l’enorme danno ambientale causato dalla Russia.

La responsabilità è un aspetto fondamentale del lavoro del gruppo di lavoro ad alto livello. Il diritto internazionale richiede che la Russia paghi per i danni causati attraverso la sua illegale guerra di aggressione. Dovrebbero essere presi in considerazione tutti gli approcci di riparazione compatibili con il diritto internazionale. L’UE si sta già preparando a utilizzare gli interessi generati dai beni congelati a sostegno dell’Ucraina. Questi fondi devono essere utilizzati anche per affrontare il problema del ripristino ambientale.

Per troppo tempo l’ambiente è stato una vittima silenziosa della guerra. Garantire la responsabilità per i crimini ambientali è un aspetto vitale del più ampio perseguimento della giustizia e del rispetto del diritto internazionale. Durante la guerra, l’Ucraina ha mostrato una leadership eccezionale nel promuovere la responsabilità per i crimini ambientali sia a livello nazionale che nel diritto internazionale. La settimana scorsa, il procuratore generale ucraino Andrii Kostin ha annunciato che, per la prima volta in condizioni di guerra, era stato pubblicato un avviso di sospetto per ecocidio che indicava cinque ufficiali russi come sospettati per il bombardamento deliberato di un centro di ricerca contenente materiale radioattivo.

Le risorse legali e diplomatiche dell’UE possono rafforzare in modo significativo gli sforzi dell’Ucraina in questo senso. Sostenendo le indagini e le azioni legali contro i responsabili del danno ambientale, l’UE può inviare un messaggio forte sulle conseguenze dell’abbandono e della distruzione dell’ambiente durante i conflitti.

Il sostegno dell’UE nella mitigazione dei danni ambientali, nella ricerca delle responsabilità per i crimini ambientali e nella promozione della ripresa verde dell’Ucraina non è solo un imperativo morale ma una necessità strategica. Nelle circostanze attuali, è fondamentale che l’UE porti avanti il ​​processo di adesione. A seguito della decisione di aprire i negoziati di accesso con l’Ucraina a dicembre, l’UE deve ora concordare il quadro negoziale, che fisserà le linee guida e i principi per i colloqui di adesione.

Il sostegno agli sforzi dell’Ucraina volti ad affrontare le conseguenze ambientali della guerra deve rientrare nel quadro più ampio del processo di adesione dell’Ucraina all’UE. L’aspettativa di adesione e le condizionalità legate a questo processo possono contribuire a stimolare le riforme necessarie nel paese.

Allineare le politiche ambientali dell’Ucraina agli standard dell’UE andrà a vantaggio di entrambe le parti. L’adesione dell’Ucraina può facilitare la transizione dell’Europa verso le fonti energetiche rinnovabili se saranno adottati la legislazione e gli investimenti giusti.

L’Ucraina ha un notevole potenziale idroelettrico, solare ed eolico. La biomassa ha un potenziale considerevole grazie al vasto settore agricolo ucraino. Inoltre, l’adesione dell’Ucraina potrebbe aumentare l’approvvigionamento interno di metalli critici e materie prime necessarie per la resilienza industriale dell’Europa e la transizione verde.

Questo è il momento per l’UE di riaffermare il suo impegno per un futuro sostenibile, non solo all’interno dei suoi confini ma in tutto il continente, stabilendo uno standard globale per la responsabilità ambientale e la resilienza di fronte ai conflitti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie