I leader dell’Europa sudorientale firmano una dichiarazione congiunta a sostegno dell’Ucraina

AgenPress – I leader di Kosovo, Moldavia, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Romania e Ucraina hanno firmato una dichiarazione congiunta a sostegno di Kiev denunciando l’aggressione russa durante un vertice a Tirana il 28 febbraio.

Il presidente Volodymyr Zelensky è arrivato a Tirana il 27 febbraio  per partecipare al secondo vertice Ucraina-Europa sudorientale, conducendo colloqui bilaterali con altri leader e pronunciando un discorso il giorno successivo.

La Dichiarazione è stata firmata dal presidente del Kosovo Vjosa Osmani, dal presidente della Moldavia Maia Sandu, dal presidente del Montenegro Jakov Milatovic, dal presidente della Macedonia del Nord Stevo Pendarovski, dal presidente della Serbia Aleksandar Vucic, dal presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, dal primo ministro dell’Albania Edi Rama, Il presidente del Consiglio dei ministri della Bosnia ed Erzegovina Borjana Krišto, il primo ministro della Bulgaria Nikolai Denkov, il primo ministro della Croazia Andrej Plenković e il primo ministro della Romania Ion-Marcel Ciolacu.

Nel documento firmato, i leader dei paesi hanno riaffermato il loro fermo sostegno all’indipendenza, alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale a partire dal 1991 e hanno dichiarato che mantengono l’impegno a fornire all’Ucraina il sostegno necessario per sconfiggere l’aggressione russa per tutto il tempo necessario per raggiungere una pace giusta.

I leader dei paesi firmatari hanno inoltre espresso il loro sostegno al diritto dell’Ucraina di scegliere le proprie modalità di sicurezza. “Gli alleati della NATO e le nazioni aspiranti accolgono con favore i passi compiuti verso la futura adesione dell’Ucraina alla NATO e sostengono l’Ucraina nelle sue aspirazioni a diventare membro dell’Alleanza non appena le condizioni di sicurezza lo consentiranno”.

Il testo della dichiarazione definisce la guerra della Russia contro l’Ucraina “la più grande minaccia alla sicurezza europea e alla pace internazionale”.

I firmatari si sono impegnati a sostenere fermamente l’indipendenza, l’integrità territoriale e la pace duratura dell’Ucraina in conformità con la Carta delle Nazioni Unite e la formula di pace dell’Ucraina. Hanno inoltre segnalato la disponibilità a partecipare al prossimo vertice internazionale sulla pace in Svizzera.

Hanno inoltre invitato l’intera comunità internazionale a rafforzare risolutamente il sostegno all’Ucraina nella sua lotta per la libertà, l’indipendenza e l’integrità territoriale.

Inoltre, i leader dei paesi dell’Europa sudorientale hanno affermato che la guerra aggressiva su vasta scala della Russia contro l’Ucraina ha dimostrato la necessità fondamentale di un’Europa unita e forte, in grado di resistere alle sfide globali, e hanno riaffermato la loro determinazione ad intensificare gli sforzi congiunti per garantire ulteriori progressi e sostegno reciproco per i nostri paesi nel percorso verso l’adesione della regione dei Balcani occidentali, dell’Ucraina, della Repubblica di Moldova e della Georgia all’Unione europea.

 

 

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie