Sudafrica. I bracconieri fanno strage di rinoceronti. Nel 2023 ne sono stati uccisi 499. Sono a rischio estinzione

AgenPress – Il Sudafrica ha registrato 499 rinoceronti cacciati in frodo nel 2023, 51 in più rispetto all’anno precedente, nonostante gli sforzi per proteggere gli animali, ha detto martedì il governo.

Il Sudafrica ospita quasi la metà della popolazione di rinoceronti neri in grave pericolo di estinzione in Africa e la più grande popolazione mondiale di rinoceronti bianchi quasi a rischio .

I rinoceronti vengono cacciati in camicia per i loro corni, che vengono utilizzati nei paesi dell’Asia orientale per realizzare medicine tradizionali e gioielli.

Nel 2023, 406 rinoceronti sono stati uccisi in proprietà statali e 93 in parchi, riserve e fattorie di proprietà privata, ha affermato in una nota il Dipartimento delle foreste, della pesca e dell’ambiente del Sud Africa.

“La pressione si è fatta sentire ancora una volta nella provincia di KwaZulu-Natal (KZN), con il parco Hluhluwe-iMfolozi che si trova ad affrontare il peso maggiore dei casi di bracconaggio”, ha detto il ministro dell’Ambiente Barbara Creecy.

“Mentre la KZN ha registrato 49 arresti e 13 armi da fuoco sequestrate, i team multidisciplinari continuano a lavorare instancabilmente nel tentativo di rallentare questa pressione incessante”.

Il Kruger National Park ha registrato un calo del 37% rispetto al 2022, con 78 rinoceronti cacciati in frodo nel 2023. Nessun rinoceronte è stato cacciato in frodo in nessun altro parco nazionale.

Il bracconaggio di rinoceronti coinvolge spesso sindacati criminali internazionali che fanno affidamento sull’aiuto dei bracconieri locali e colludono con i ranger del parco.

Il ministero dell’ambiente del Sud Africa ha dichiarato l’anno scorso che avrebbe aumentato i servizi sanitari, di formazione e di consulenza per i ranger per scoraggiarli dall’assistere i bracconieri.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie