Si è opposto alla guerra in Ucraina. Tribunale russo condanna Oleg Orlov, attivista diritti umani, a 2,5 anni di prigione

AgenPress – Il tribunale Golovinsky di Mosca ha condannato Oleg Orlov, uno dei leader del gruppo per i diritti umani Memorial, a due anni e mezzo di prigione per “aver screditato l’esercito”, ha riferito il 27 febbraio il quotidiano indipendente russo Meduza.

Il procedimento penale contro Orlov è stato avviato nel 2023 dopo che il difensore dei diritti umani ha pubblicato sul suo Facebook la traduzione di un articolo francese intitolato “Volevano il fascismo. L’hanno ottenuto”.

L’articolo criticava aspramente la guerra della Russia contro l’Ucraina e accusava il regime del dittatore Vladimir Putin di condurre la Russia verso il fascismo.

Il tribunale distrettuale Golovinsky di Mosca ha ritenuto Orlov colpevole di “screditare l’esercito” nell’ottobre 2023 e lo ha multato di 150.000 rubli (1.633,50 dollari), ma l’accusa ha presentato ricorso contro il verdetto e ha chiesto una pena detentiva.

A gennaio è stata condotta una nuova indagine , che ha concluso che la decisione di Orlov di pubblicare l’articolo era motivata dalla sua presunta ostilità “verso i tradizionali valori spirituali, morali e patriottici russi” e dall’odio verso l’esercito russo, che l’articolo associa al genocidio. , omicidio e distruzione.

Orlov si è dichiarato non colpevole e ha detto al Mosca Times che la richiesta di una pena detentiva era una “richiesta dall’alto”.

“Non mi dichiaro colpevole e l’accusa non mi è chiara”, ha detto. Orlov si è rifiutato di partecipare attivamente al procedimento del processo, leggendo in modo dimostrativo il romanzo di Franz Kafka “Il processo”.

Prima della sua condanna martedì, Orlov ha detto al Mosca Times che considerava la richiesta dei pubblici ministeri di incarcerarlo come “una richiesta dall’alto”, ma ha detto che ha ancora speranze per un cambiamento in Russia.

“Credo in un futuro migliore [per il Paese]. C’è un vero futuro davanti a noi, e dietro [il regime] non c’è altro che il passato”, ha detto Orlov in un’intervista, riferendosi alle autorità russe.

Orlov, 70 anni, è stato multato di 150.000 rubli (1.500 dollari) in ottobre dopo che un tribunale russo lo aveva ritenuto colpevole di “screditare” le forze armate russe.

Le accuse previste dalle leggi russe sulla censura in tempo di guerra comportano una pena fino a cinque anni di carcere. A quel tempo, i pubblici ministeri avevano emesso la multa a causa di circostanze attenuanti, tra cui l’età di Orlov e le testimonianze dei suoi sostenitori.

Nel suo articolo, Orlov ha affermato che la guerra contro l’Ucraina è “un duro colpo per il futuro della Russia” e che il Cremlino cerca di utilizzare l’invasione come strumento per raggiungere i propri obiettivi politici.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie