Parigi. Macron non esclude che gli europei inviino truppe in Ucraina. Fare di tutto per sconfiggere Putin

AgenPress – Il presidente francese Emmanuel Macron ha aperto lunedì la porta all’invio di truppe da parte dei paesi europei in Ucraina, pur avvertendo che non c’è consenso in questa fase poiché gli alleati hanno concordato di intensificare gli sforzi per consegnare più munizioni a Kiev.
Circa 20 leader europei si sono riuniti  a Parigi per inviare al presidente russo Vladimir Putin un messaggio di determinazione europea sull’Ucraina e contrastare la narrativa del Cremlino secondo cui la Russia è destinata a vincere una guerra ormai al suo terzo anno.
“Non c’è consenso in questa fase sull’invio di truppe sul terreno”, ha detto Macron ai giornalisti. “Non bisogna escludere nulla. Faremo tutto il possibile affinché la Russia non vinca”.
Un funzionario della Casa Bianca ha detto che gli Stati Uniti non hanno intenzione di inviare truppe a combattere in Ucraina e che non ci sono nemmeno piani per inviare truppe della NATO a combattere in Ucraina.
Macron ha invitato i suoi omologhi europei al palazzo dell’Eliseo per un incontro organizzato frettolosamente per discutere come aumentare le forniture di munizioni all’Ucraina nel contesto di quella che secondo i suoi consiglieri è un’escalation dell’aggressione russa nelle ultime settimane.
Dopo i primi successi nel respingere l’esercito russo, l’Ucraina ha subito battute d’arresto sui campi di battaglia orientali, con i suoi generali che lamentano carenza di armi e soldati.
Il primo ministro slovacco Robert Fico, che si è opposto agli aiuti militari all’Ucraina, ha detto che diversi membri della NATO e dell’UE stanno valutando la possibilità di inviare soldati in Ucraina su base bilaterale.
“Posso confermare che ci sono paesi disposti a inviare le proprie truppe in Ucraina, ci sono paesi che dicono mai, tra cui la Slovacchia, e ci sono paesi che dicono che questa proposta deve essere presa in considerazione”, ha detto prima di salire sull’aereo.
Rivolgendosi ai leader in videolink, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha appoggiato l’avvertimento di Macron sull’escalation del conflitto: “Dobbiamo garantire che Putin non possa distruggere le nostre conquiste e non possa espandere la sua aggressività ad altre nazioni”.
“Molte persone che dicono ‘Mai, mai’ oggi sono le stesse persone che due anni fa dicevano ‘mai carri armati, mai aerei, mai missili a lungo raggio”.
“Abbiamo l’umiltà di constatare che spesso siamo arrivati ​​in ritardo di sei o dodici mesi. Questo era l’obiettivo del dibattito di stasera: tutto è possibile se è utile per raggiungere il nostro obiettivo”, ha affermato, aggiungendo che l’Europa non deve dipendere dagli Stati Uniti per combattere in Ucraina.
Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie