NYT. Le basi CIA in Ucraina sono a rischio se gli Stati Uniti non dovessero approvare gli aiuti

AgenPress – La Central Intelligence Agency (CIA) ha sostenuto una rete di una dozzina di basi in Ucraina che sono “sempre più a rischio” se i repubblicani continuano a bloccare 61 miliardi di dollari di finanziamenti per Kiev, ha riferito il New York Times (NYT) il 25 febbraio.

La rete di basi è il risultato di un decennio di costruzione di relazioni tra la CIA e l’Ucraina, secondo il NYT, che ha condotto 200 interviste con attuali ed ex funzionari dell’intelligence in Ucraina, Europa e Stati Uniti per l’articolo.

Le basi consentono all’esercito ucraino di “tracciare i satelliti spia russi e di origliare le conversazioni tra comandanti russi”, ha affermato il NYT.

“Queste reti di intelligence sono più importanti che mai”, ora che la Russia sta intensificando la sua offensiva e l’Ucraina “è sempre più dipendente dal sabotaggio e dagli attacchi missilistici a lungo raggio che richiedono spie molto dietro le linee nemiche”.

Il direttore della CIA William Burns ha visitato segretamente l’Ucraina il 22 febbraio “per cercare di rassicurare i leader ucraini”, ha detto il NYT, in quella che era la sua decima visita nel paese da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala.

Il rapporto tra l’intelligence ucraina e quella statunitense ha cominciato ad approfondirsi nel 2015, quando l’allora presidente Petro Poroshenko ha nominato Valeriy Kondratiuk a capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina.

Dopo la rivoluzione EuroMaidan del 2014, gli Stati Uniti inizialmente diffidavano dei funzionari ucraini e temevano di “provocare il Cremlino”, ha affermato il NYT.  

Kondratiuk ha costruito rapporti con la CIA, che nel 2016 ha accettato di aiutare a modernizzare l’agenzia di intelligence militare ucraina in cambio di informazioni dall’Ucraina, ha affermato il NYT. Una linea rossa era che la CIA non avrebbe aiutato l’intelligence ucraina a condurre operazioni letali.

Secondo il NYT, l’Ucraina è diventata gradualmente “un centro di raccolta di informazioni che ha intercettato più comunicazioni russe di quelle che la stazione della CIA a Kiev poteva inizialmente gestire”.

L’elezione di Donald Trump nel 2016 “ha solo rafforzato” la partnership tra l’intelligence ucraina e la CIA, poiché Trump “aveva messo i falchi russi in posizioni chiave, tra cui Mike Pompeo come direttore della CIA e John Bolton come consigliere per la sicurezza nazionale”.

Prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, gli unici funzionari americani non evacuati dal paese erano “un piccolo gruppo di ufficiali della CIA” trasferiti in un hotel nell’Ucraina occidentale. La CIA è poi tornata a Kiev “entro poche settimane” dal ritiro della Russia dalla regione nell’aprile 2022, ha affermato il NYT.

Alla luce delle preoccupazioni per il pacchetto da 61 miliardi di dollari, le agenzie di intelligence ucraine sono ora preoccupate se la CIA le “abbandonerà”, come “è già successo in Afghanistan”, ha detto al NYT un alto ufficiale ucraino.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie