Macron. La Russia potrebbe attaccare gli stati della NATO se l’Occidente non dovesse sostenere l’Ucraina

AgenPress – Il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato i paesi occidentali a rafforzare il loro sostegno all’Ucraina, avvertendo che le azioni di Mosca nelle ultime settimane segnalano che la Russia potrebbe attaccare gli stati della NATO nei prossimi anni.

Intervenendo in apertura di una conferenza convocata in tutta fretta da 20 leader europei a Parigi, progettata per accelerare la fornitura di armi e aiuti finanziari all’Ucraina , Macron ha affermato che la Russia “non deve e non può vincere questa guerra” e che è in gioco la sicurezza stessa dell’Europa. .

“Siamo in procinto di garantire la nostra sicurezza collettiva, per oggi e domani”, ha affermato.

Tra i partecipanti al vertice di lunedì c’erano il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, e il primo ministro olandese, Mark Rutte, che dovrebbe diventare il prossimo segretario generale della Nato.

Macron ha indicato la morte del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny come un segno dell’irrigidimento della posizione di Mosca.

In un breve discorso video, il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy, ha dichiarato: “Insieme abbiamo già salvato milioni di vite, e insieme dobbiamo garantire che Putin non possa distruggere ciò che abbiamo realizzato e non possa estendere la sua aggressione ad altri paesi”.

In una conferenza stampa a Kiev, Zelenskiy ha affrontato una delle questioni centrali dell’incontro di Parigi: l’incapacità dell’Occidente di mantenere le promesse di fornire munizioni nelle quantità richieste. Ha detto: “Del milione di proiettili che l’ Unione europea ci ha promesso, non è stato il 50% ma purtroppo il 30% ad essere consegnato”.

L’UE aveva promesso l’anno scorso di inviare all’Ucraina 1 milione di proiettili di artiglieria entro la fine di marzo 2024, ma poi ha affermato che sarebbe stata in grado di consegnare solo poco più del 50% di tale importo. Zelenskiy ha lasciato intendere che l’UE non è stata in grado di raggiungere nemmeno il suo obiettivo ridotto.

L’Ucraina ha accusato il deficit di munizioni per la sua incapacità di mantenere le posizioni e tanto meno di fare progressi, qualcosa che la maggior parte delle potenze europee esclude nel 2024.

Prima della conferenza, il primo ministro populista slovacco, Robert Fico, aveva affermato che diversi Stati membri dell’UE e della NATO stavano prendendo in considerazione l’invio di truppe in Ucraina su base bilaterale, un’affermazione che sembrava concepita per creare timori di un’escalation – un risultato specificamente di Macron. escluso nel suo intervento di apertura della conferenza.

Macron, tuttavia, è stato insolitamente chiaro sul fatto che esisteva un consenso sul fatto che la Russia avrebbe cercato di attaccare altri paesi nel giro di pochi anni.

Lunedì le truppe ucraine si sono ritirate da un villaggio vicino ad Avdiivka, che è stata presa dalle forze russe questo mese, poiché l’Ucraina ha affermato che la mancanza di munizioni sta ostacolando la sua capacità di combattere.

Macron non ha partecipato alla conferenza sulla sicurezza di Monaco otto giorni fa, un importante incontro di personalità politiche e militari occidentali, né si è unito al presidente del G7, Giorgia Meloni, il primo ministro italiano, in una videochiamata del G7 da Kiev.

I collaboratori di Macron hanno affermato di ritenere che la conferenza di Monaco abbia generato un’atmosfera eccessiva di tristezza riguardo alle prospettive che l’Ucraina possa sconfiggere Putin o costringerlo a negoziare.

“Vogliamo inviare a Putin un messaggio molto chiaro che non vincerà in Ucraina”, ha detto ai giornalisti uno dei consiglieri di Macron in un briefing. “Il nostro obiettivo è schiacciare questa idea che vuole farci credere che in qualche modo sarebbe vincente.”

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie