G7. I leader denunciano le esportazioni di missili balistici della Corea del Nord verso la Russia

AgenPress. I leader delle principali democrazie del Gruppo dei Sette (G7) hanno condannato fermamente le transazioni di armi tra la Corea del Nord e la Russia, in occasione del secondo anniversario dell’invasione russa in Ucraina.

I leader del G7 hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, sottolineando che le transazioni tra Pyongyang e Mosca violano le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. 

“Condanniamo fermamente le esportazioni della Corea del Nord e l’approvvigionamento da parte della Russia di missili balistici nordcoreani  e li invitiamo a cessare immediatamente tali attività”.

Il governo degli Stati Uniti ha rivelato che la Corea del Nord ha fornito alla Russia diverse dozzine di missili balistici, alcuni dei quali sono stati lanciati contro obiettivi ucraini il 30 dicembre, il 2 gennaio e il 6 gennaio. Inoltre, il Dipartimento di Stato americano, ha rivelato che ha spedito in Russia oltre 10.000 container di munizioni.

Nella dichiarazione, i leader del G7 hanno anche espresso la loro preoccupazione per i trasferimenti alla Russia da parte delle imprese cinesi di materiali e componenti a duplice uso per armi e attrezzature per la produzione militare.

Sottolineando il loro fermo sostegno all’Ucraina, i leader del G7 hanno affermato: “Mentre l’Ucraina entra nel terzo anno di questa guerra implacabile, il suo governo e il suo popolo possono contare sul sostegno del G7 per tutto il tempo necessario”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie