G7. Beni russi congelati fino alla fine della guerra. Putin non è riuscito a sottomettere l’Ucraina

AgenPress – I paesi del Gruppo dei Sette (G7) hanno rilasciato una dichiarazione in cui confermano che i beni sovrani della Russia nelle loro giurisdizioni rimarranno congelati fino alla fine della guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina.

 

Noi leader del Gruppo dei Sette (G7) ci siamo incontrati oggi con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per riaffermare il nostro incrollabile sostegno all’Ucraina e rendere omaggio ancora una volta al coraggio e alla resilienza del popolo ucraino che ha combattuto instancabilmente per la libertà e il futuro democratico dell’Ucraina.

Hanno resistito per due anni all’invasione su vasta scala illegale, ingiustificabile e non provocata della Russia, che costituisce una palese violazione della Carta delle Nazioni Unite. Hanno dimostrato la loro volontà di sconfiggere la macchina da guerra del presidente Putin, ripristinare l’integrità territoriale della loro nazione e difendere la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina.

Il presidente Putin non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo strategico di sottomettere l’Ucraina. Invece, sta costringendo ogni giorno il suo stesso popolo a pagare un prezzo alto per le azioni sconsiderate del suo governo. Ha prosciugato le risorse della Russia per finanziare una guerra non necessaria, ha fatto a pezzi le famiglie russe e ha causato la morte di centinaia di migliaia di russi.

Rimaniamo convinti di poter garantire che il popolo ucraino prevalga nella lotta per il proprio futuro e contribuisca a forgiare una pace globale, giusta e duratura.

In questa occasione rendiamo omaggio anche allo straordinario coraggio di Alexei Navalny e siamo al fianco di sua moglie, dei suoi figli e dei suoi cari. Ha sacrificato la sua vita lottando contro la corruzione del Cremlino e per elezioni libere ed eque in Russia. Chiediamo al governo russo di chiarire pienamente le circostanze della sua morte. Chiediamo ugualmente al governo russo di liberare tutti i prigionieri ingiustamente detenuti e di fermare la persecuzione dell’opposizione politica e la repressione sistematica dei diritti e delle libertà dei russi. Riterremo responsabili i colpevoli della morte di Navalny, anche continuando a imporre misure restrittive in risposta alle violazioni e agli abusi dei diritti umani in Russia e intraprendendo altre azioni.

1 . Continueremo a sostenere il diritto dell’Ucraina all’autodifesa e a ribadire il nostro impegno per la sicurezza a lungo termine dell’Ucraina, anche concludendo e attuando impegni e accordi di sicurezza bilaterali, sulla base della Dichiarazione congiunta di sostegno all’Ucraina che abbiamo approvato a Vilnius lo scorso luglio. Stiamo intensificando la nostra assistenza in materia di sicurezza all’Ucraina e stiamo aumentando le nostre capacità di produzione e consegna, per assistere il Paese.

Dieci anni dopo le proteste di Maidan, siamo al fianco del governo e del popolo ucraino mentre rafforzano le fondamenta del loro stato democratico attraverso riforme vitali, in particolare per rafforzare il sistema giudiziario e lo stato di diritto e contrastare la corruzione. Questi sforzi fanno parte del percorso dell’Ucraina verso l’integrazione euro-atlantica. Elogiamo i risultati conseguiti finora dall’Ucraina e accogliamo con favore la decisione del Consiglio europeo dello scorso dicembre di avviare i negoziati di adesione con l’Ucraina. Accogliamo con favore i progressi dell’Ucraina nel soddisfare le condizioni del programma Extended Fund Facility dell’FMI.

La Russia non deve riuscire a distruggere l’economia ucraina per rimediare ai suoi fallimenti sul campo di battaglia. Aiuteremo l’Ucraina a soddisfare le sue urgenti esigenze finanziarie e assisteremo altri paesi vulnerabili gravemente colpiti dalle conseguenze della guerra russa. Accogliamo con grande favore l’approvazione da parte dell’UE dello strumento per l’Ucraina di 50 miliardi di euro. Fornirà un sostegno finanziario cruciale all’Ucraina fino al 2027. Accogliamo con favore anche il sostegno economico aggiuntivo che altri hanno approvato mentre cerchiamo di colmare il gap finanziario rimanente dell’Ucraina, così come la rapida fornitura da parte del Giappone del suo sostegno al bilancio nel primo trimestre del 2024 e i nuovi finanziamenti del Canada . Sollecitiamo l’approvazione di un sostegno aggiuntivo per colmare il restante gap di bilancio dell’Ucraina per il 2024.

La ricostruzione dell’Ucraina, a cominciare da misure di ripresa tempestive, rimane una priorità fondamentale. Continueremo a collaborare con le autorità ucraine e le istituzioni finanziarie internazionali attraverso la piattaforma di coordinamento dei donatori multi-agenzia per l’Ucraina e facendo leva sugli investimenti privati. Accogliamo con favore l’espansione della Piattaforma per includere Repubblica di Corea, Norvegia, Svezia e Paesi Bassi. Dopo il successo della Conferenza Giappone-Ucraina per la promozione della crescita economica e della ricostruzione, attendiamo con impazienza le Conferenze per la ripresa dell’Ucraina, che si terranno a Berlino nel 2024 e a Roma nel 2025.

2 . Chiediamo alla Russia di cessare immediatamente la sua guerra di aggressione e di ritirare completamente e incondizionatamente le sue forze militari dal territorio riconosciuto a livello internazionale dell’Ucraina. Chiediamo a tutti i paesi di rispettare il diritto internazionale e di non convalidare o condonare in alcun modo i tentativi della Russia di acquisire territorio con la forza. Non riconosceremo mai le cosiddette “elezioni”, passate e future, tenute dalla Russia nei territori dell’Ucraina, né i loro risultati. L’intenzione dichiarata della Russia di votare per le elezioni presidenziali nelle regioni ucraine costituisce una vergognosa violazione della sovranità dell’Ucraina.

Condanniamo fermamente i continui attacchi brutali della Russia contro i civili e le infrastrutture civili critiche e i crimini di guerra commessi dalle forze russe in Ucraina, compresa la violenza sessuale. Condanniamo fermamente le violazioni dei diritti umani da parte della Russia nei territori occupati dalla Russia. Restiamo impegnati a ritenere i responsabili responsabili delle loro atrocità contro il popolo ucraino, in linea con il diritto internazionale. Sosteniamo le indagini del procuratore della Corte penale internazionale, del procuratore generale dell’Ucraina e di altri pubblici ministeri nazionali nell’ambito delle loro giurisdizioni. Accogliamo con favore le discussioni in corso nel Gruppo ristretto, esplorando l’istituzione di un tribunale per il crimine di aggressione contro l’Ucraina. Chiediamo alla Russia di rilasciare tutte le persone detenute illegalmente e di restituire in sicurezza tutti i civili trasferiti o deportati illegalmente, a cominciare da migliaia di bambini. Diamo il benvenuto alla Coalizione internazionale per il ritorno dei bambini ucraini, lanciata da Ucraina e Canada. Sottolineiamo inoltre l’importanza di procedere verso uno scambio di tutti i prigionieri di guerra e accogliamo con favore gli sforzi in questo senso da parte di altri paesi e attori partner. Infine, continueremo a sostenere gli sfollati e i rifugiati ucraini e a proteggere coloro che ne hanno bisogno. Ribadiamo il nostro sostegno al Registro dei danni per l’Ucraina del Consiglio d’Europa.

Mentre la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina continua a minare la sicurezza alimentare globale, celebriamo il successo dell’Ucraina nell’espansione significativa delle esportazioni alimentari attraverso il Mar Nero, che aiuterà a nutrire il mondo. Grazie al corridoio marittimo dell’Ucraina e alle rotte di solidarietà dell’UE, l’Ucraina è sulla buona strada per esportare tutto il grano del raccolto del 2023, nonostante gli attacchi della Russia ai porti ucraini e il suo ritiro dall’Iniziativa sui cereali del Mar Nero. Continueremo ad aiutare l’Ucraina ad esportare il suo grano e i suoi prodotti agricoli verso le nazioni più vulnerabili, anche attraverso l’attuazione del Grain Verification Scheme che l’Ucraina guiderà quest’anno. Chiediamo alla Russia di cessare i suoi sforzi per utilizzare come arma l’approvvigionamento alimentare e sostenere la navigazione commerciale sicura nel Mar Nero.

L’irresponsabile retorica nucleare della Russia, il suo atteggiamento di intimidazione strategica e il suo indebolimento dei regimi di controllo degli armamenti sono inaccettabili. Le minacce da parte della Russia di utilizzo di armi nucleari, per non parlare di qualsiasi utilizzo di armi nucleari da parte della Russia, nel contesto della sua guerra di aggressione contro l’Ucraina sono inammissibili.

3 . Continueremo ad aumentare i costi della guerra della Russia, a degradare le fonti di entrate della Russia e ad ostacolare i suoi sforzi per costruire la sua macchina da guerra, come dimostrato dai nostri pacchetti di sanzioni recentemente approvati. Rimaniamo impegnati ad attuare e far rispettare pienamente le nostre sanzioni contro la Russia e ad adottare nuove misure, se necessario. Continuiamo a contrastare, in stretta collaborazione con i paesi terzi, qualsiasi tentativo di eludere ed eludere le nostre sanzioni e misure di controllo delle esportazioni. Imporremo ulteriori sanzioni alle aziende e agli individui di paesi terzi che aiutano la Russia ad acquisire armi o fattori chiave per le armi. Imporremo inoltre sanzioni a coloro che aiutano la Russia ad acquisire strumenti e altre attrezzature che aiutano la produzione di armi russe o lo sviluppo militare-industriale.

Continueremo a esercitare una pressione significativa sulle entrate russe derivanti dall’energia e da altre materie prime. Continueremo ad adottare misure per rafforzare il rispetto e l’applicazione del tetto massimo del prezzo del petrolio. Mentre lavoriamo per mantenere la stabilità dell’offerta, risponderemo alle violazioni dei limiti di prezzo, anche imponendo ulteriori misure sanzionatorie contro coloro che sono coinvolti in pratiche ingannevoli durante il trasporto di petrolio russo e contro le reti che la Russia ha sviluppato per ricavare ulteriori entrate dalle violazioni dei limiti di prezzo. Continueremo ad adottare misure per limitare le future entrate energetiche della Russia. Continueremo a impedire lo sviluppo di futuri progetti energetici da parte della Russia e a interrompere il suo sviluppo di alternative per il trasporto energetico e altri servizi. Continueremo gli sforzi per ridurre le entrate della Russia derivanti dai metalli.

Continueremo ad agire contro gli attori di paesi terzi che sostengono materialmente la guerra della Russia, anche imponendo misure aggiuntive a entità di paesi terzi, se del caso. Chiediamo alle istituzioni finanziarie di astenersi dal sostenere la macchina da guerra russa e adotteremo misure adeguate, coerenti con i nostri sistemi legali, per scoraggiare questo comportamento. Le istituzioni finanziarie e altre entità che facilitano l’acquisizione da parte della Russia di beni o attrezzature per la sua base industriale di difesa stanno sostenendo azioni che minano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina. Condanniamo fermamente le esportazioni della Corea del Nord e l’approvvigionamento da parte della Russia di missili balistici nordcoreani in diretta violazione delle pertinenti UNSCR e li invitiamo a cessare immediatamente tali attività. Chiediamo all’Iran di smettere di assistere l’esercito russo e la sua guerra in Ucraina. Esprimiamo la nostra preoccupazione per i trasferimenti in Russia da parte delle imprese della Repubblica popolare cinese di materiali e componenti a duplice uso per armi e attrezzature per la produzione militare.

Non è giusto che la Russia decida se e quando pagherà per i danni causati in Ucraina. Secondo la Banca Mondiale questi danni superano ormai i 486 miliardi di dollari. Gli obblighi della Russia, ai sensi del diritto internazionale, di pagare per i danni che sta causando sono chiari. Siamo determinati a dissipare ogni falsa idea secondo cui il tempo è dalla parte della Russia, che la distruzione delle infrastrutture e dei mezzi di sussistenza non ha conseguenze per la Russia, o che la Russia potrebbe prevalere causando il fallimento economico dell’Ucraina. La Russia non dovrebbe essere in grado di ritardare indefinitamente il pagamento dei suoi debiti. Riconosciamo l’urgenza di ostacolare i tentativi della Russia di distruggere l’economia ucraina e il continuo fallimento della Russia nel rispettare i suoi obblighi di diritto internazionale. Siamo determinati a garantire la piena responsabilità e sosteniamo l’Ucraina nell’ottenere un risarcimento per le perdite, le lesioni e i danni derivanti dall’aggressione della Russia.

Riaffermiamo che, in linea con i nostri rispettivi sistemi giuridici, i beni sovrani della Russia nelle nostre giurisdizioni rimarranno immobilizzati finché la Russia non pagherà i danni causati all’Ucraina. Accogliamo con favore l’adozione degli atti giuridici dell’UE riguardanti le entrate straordinarie dei depositari centrali di titoli ottenute dalle attività sovrane immobilizzate della Russia e incoraggiamo ulteriori passi per consentirne l’utilizzo, in linea con gli obblighi contrattuali applicabili e in conformità con le leggi applicabili. Chiediamo ai nostri ministri di continuare il loro lavoro e di aggiornarsi prima del vertice della Puglia su tutte le possibili strade attraverso le quali i beni sovrani russi immobilizzati potrebbero essere utilizzati per sostenere l’Ucraina, in linea con i nostri rispettivi sistemi giuridici e il diritto internazionale.

4 . Mentre andiamo avanti, continuiamo a sostenere l’Ucraina nell’ulteriore sviluppo della formula di pace del presidente Zelenskyy e ci impegniamo a sostenere una pace globale, giusta e duratura coerente con i principi della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e rispettosa della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Mentre l’Ucraina entra nel terzo anno di questa guerra implacabile, il suo governo e il suo popolo possono contare sul sostegno del G7 per tutto il tempo necessario”.

 

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie