Il corpo di Alexey Navalny è stato consegnato alla madre dalle autorità russe. Funerali in sospeso

AgenPress – Il corpo di  Alexei Navalny è stato consegnato a sua madre, più di una settimana dopo la sua morte in una colonia carceraria artica. Lo ha detto sabato il suo portavoce.

Navalny, oppositore più accanito del presidente Vladimir Putin, è morto il 16 febbraio in una delle carceri più dure della Russia, nel nord della Siberia, dove stava scontando una condanna a 19 anni per accuse ampiamente viste come una punizione politica per la sua opposizione.

“Il corpo di Alexei è stato consegnato a sua madre. Molte grazie a tutti coloro che ce lo hanno chiesto”, ha detto il portavoce di Navalny Kira Yarmysh su X, precedentemente noto come Twitter.

“I funerali sono ancora in sospeso. Non sappiamo se le autorità interferiranno con lo svolgimento dell’operazione come vuole la famiglia e come merita Alexei”.

Lyudmila Navalnaya, che stava cercando di recuperare il corpo di suo figlio da più di una settimana, ha detto che gli investigatori si sono rifiutati di darle il suo corpo a meno che lei non avesse accettato un funerale segreto senza un addio pubblico. Ha detto di aver rifiutato le condizioni poste dalle autorità, insistendo per un funerale pubblico.

Nell’ultima settimana, le autorità russe si erano rifiutate di affidare a Lyudmila Navalnaya la custodia del corpo di suo figlio, dopo che lei si era recata nella città di Salekhard nella regione di Yamalo-Nenets, l’insediamento più vicino alla colonia carceraria dove morì Navalny.

Venerdì la squadra di Navalny ha detto di aver intentato una causa per ottenere il corpo, sostenendo che gli investigatori locali avevano minacciato di seppellirlo sul terreno della prigione se sua madre non avesse accettato un funerale “segreto”. Yarmysh ha detto che i piani per il funerale non sono ancora chiari.

“Ljudmila Ivanovna è ancora a Salechard. Il funerale è ancora in attesa. Non sappiamo se le autorità interferiranno per realizzarlo come vuole la famiglia e come merita Alessio”.

Il suo team ha detto che in precedenza il Cremlino stava cercando di bloccare un funerale pubblico, che potrebbe trasformarsi in una dimostrazione di sostegno al movimento di Navalny e alla sua opposizione a Putin.

Il leader russo, che notoriamente non ha mai pronunciato il nome di Navalny in pubblico, non ha commentato la morte.

Il suo portavoce, Dmitry Peskov, ha criticato le dichiarazioni della moglie di Navalny e dei leader occidentali che accusano Putin della sua morte definendole “volgari”.

Le autorità russe hanno detto che Navalny è morto per “cause naturali” dopo aver perso conoscenza in seguito a una passeggiata nella colonia carceraria, soprannominata “Lupo polare”.

Ma la sua squadra ha detto che gli investigatori hanno trattenuto il suo corpo, rifiutandosi per giorni di lasciare che sua madre lo vedesse, spingendo ad accusare lo stato di essere “assassini” che cercavano di “coprire le loro tracce”.

Decine di migliaia di russi hanno firmato una petizione per chiedere il rilascio del corpo di Navalny, mentre decine di figure culturali russe di alto profilo hanno pubblicato videomessaggi che sollecitavano lo stesso.

Sabato, Yulia Navalnaya aveva accusato Putin di “satanismo” per non aver permesso la restituzione del corpo di suo marito.

“Lo avete torturato vivo, ora lo torturate mentre è morto”, ha detto Yulia Navalnaya, che ha promesso di continuare il lavoro del marito, in un video pubblicato sabato.

“Ciò che Putin sta facendo ora è odio. No, nemmeno odio, è una sorta di satanismo”, ha aggiunto.

“Nessun vero cristiano potrebbe mai fare quello che Putin sta facendo ora con il corpo di Alessio”, ha detto, chiedendo: “Cosa farai con il suo cadavere? Quanto in basso affonderai per deridere l’uomo che hai ucciso?”

La sua morte, avvenuta dopo tre anni di detenzione nelle carceri russe, ha scatenato polemiche tra l’opposizione del paese e i leader occidentali.

Sabato, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha aggiunto la sua voce a coloro che puntavano il dito contro il Cremlino quando sembrava dire che dietro la morte di Navalny c’era il leader russo.

“Putin finge di essere potente, ma i leader veramente potenti non assassinano i loro avversari”, ha detto Trudeau in una conferenza stampa a Kiev, a due anni dall’invasione russa.

La polizia russa ha arrestato centinaia di persone in lutto durante i memoriali improvvisati in onore di Navalny nell’ultima settimana.

Il leader dell’opposizione era salito alla ribalta grazie alla sua campagna anti-corruzione, esponendo i presunti guadagni illeciti di Putin e del suo entourage in astuti filmati su YouTube che avevano accumulato milioni di visualizzazioni.

È stato arrestato nel gennaio 2021 quando è tornato in Russia dopo essere stato curato in Germania per un attacco di avvelenamento subito durante la campagna contro Putin in Siberia mesi prima.

Dal carcere ha continuato a condurre una campagna contro la corruzione in Russia, ma è stato costretto a guardare impotente mentre Putin invadeva l’Ucraina, smantellava la sua organizzazione, imprigionava i suoi alleati e costringeva altri all’esilio.

Sabato scorso, Yulia Navalnaya, la vedova di Navalny, ha accusato il presidente russo, Vladimir Putin , di deridere il cristianesimo per il trattamento riservato al corpo del suo defunto marito.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie