Il 24 febbraio 2022 il dittatore Putin ha dichiarato guerra all’Ucraina. 126mila crimini tra stupri, torture, deportazioni

AgenPress – Esattamente due anni fa, il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina, il più grande attacco militare in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale.

Questo giorno del 2022 ha segnato anche un punto di svolta in un decennio di continua aggressione russa contro l’Ucraina, iniziato con l’ annessione illegale della Crimea e l’inizio della guerra negli oblast di Donetsk e Luhansk nel 2014.

Nonostante il piano della Russia di “conquistare Kiev in tre giorni”, l’Ucraina ha sfidato le probabilità e ha continuato a combattere, riuscendo a liberare aree di territorio cadute sotto l’occupazione russa. La lotta ha avuto un costo significativo.

Si stima che in Ucraina circa 10.582 civili siano stati uccisi e altri 19.875 siano rimasti feriti negli ultimi due anni, secondo l’ultimo rapporto pubblicato dall’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) il 22 febbraio.

Tuttavia, il numero effettivo delle vittime è probabilmente molto più alto poiché è impossibile calcolare le perdite nelle aree sotto l’occupazione russa, comprese parti degli oblast di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. Attualmente circa il 18% del territorio ucraino è sotto occupazione russa.

Il numero delle vittime dei soldati ucraini non è stato reso noto dalle autorità ucraine. Si stima che migliaia di militari siano tenuti prigionieri in Russia, dove sono soggetti a torture e condizioni di vita orribili.

Due anni di guerra totale della Russia hanno portato alla distruzione delle città ucraine, un tempo prospere, in particolare nell’est. I nomi di città come Bakhmut , Avdiivka e Mariupol saranno per sempre sinonimo della brutalità dell’esercito russo nel suo tentativo di conquistare l’Ucraina.

Negli ultimi due anni i soldati russi hanno commesso numerosi crimini di guerra sul suolo ucraino. La Procura generale ha registrato almeno 126.135 crimini di guerra , secondo l’ultimo aggiornamento sul suo sito web.

I crimini di guerra russi includono il deliberato attacco ai civili e alle infrastrutture civili, il rapimento, lo stupro, la tortura, la detenzione illegale e la deportazione forzata. Le prove di questi crimini di guerra sono emerse spesso dopo la liberazione del territorio ucraino, come il massacro di Bucha nella primavera del 2022 o le fosse comuni scoperte a Izium dopo la controffensiva dell’Oblast di Kharkiv nell’autunno del 2022.

I bambini ucraini hanno sofferto molto durante la guerra contro la Russia. Secondo l’ufficio del procuratore generale, almeno 528 bambini sono stati uccisi e altri 1.230 sono rimasti feriti. Il governo ucraino ha identificato oltre 19.000 bambini rapiti dalla Russia, ma è riuscito a riportarne indietro solo poco meno di 400.

Nel marzo 2023 la Corte penale internazionale (CPI) ha emesso mandati di arresto nei confronti di Maria Lvova-Belova e del presidente russo Vladimir Putin per il loro ruolo nella deportazione forzata di bambini ucraini.

L’ecocidio è diventato noto come arma di guerra quando le forze russe hanno distrutto la diga di Kakhovka nel giugno 2023, provocando inondazioni di massa ed evacuazione nell’oblast di Kherson. Le conseguenze della distruzione della diga hanno comportato importanti conseguenze umanitarie, ecologiche, economiche, militari e legali per l’Ucraina.

Lo è la continua occupazione da parte della Russia della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa ricatto nucleare che potrebbe avere conseguenze disastrose per l’intero continente.

L’agenzia statale per l’energia nucleare Energoatom, le autorità ucraine hanno riferito nel giugno 2023 che lavoratori del settore energetico, medici, soccorritori, polizia e altri servizi negli oblast di Kherson, Mykolaiv, Dnipropetrovsk e Zaporizhzhia avevano condotto esercitazioni di formazione su larga scala in caso di un attacco russo al la pianta nucleare.

Mentre il discorso pubblico in Occidente si concentra sulla “stanchezza della guerra” e riflette sulla possibilità che l’Ucraina possa ottenere la vittoria contro la Russia, è fondamentale ricordare tutto ciò che gli ucraini hanno vissuto e sottolineare la continua necessità di sostenere gli sforzi dell’Ucraina per prevalere.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie