24 febbraio. Gli alleati occidentali ribadiscono il sostegno all’Ucraina. Il suo futuro è nell’Unione Europea

AgenPress – Gli alleati occidentali hanno riaffermato pubblicamente il loro sostegno all’Ucraina il 24 febbraio, il secondo anniversario dell’invasione su vasta scala della Russia.

“Il futuro dell’Ucraina è nell’Unione europea”, si legge in una dichiarazione congiunta rilasciata dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel, dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dalla presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola.

“Continueremo ad affrontare le pressanti esigenze militari e di difesa dell’Ucraina, comprese le consegne di munizioni e missili urgentemente necessari”, continua la dichiarazione. “La Russia e i suoi leader pagheranno un prezzo crescente per le loro azioni”.

Il ministro della Difesa olandese Kajsa Ollongren ha annunciato che i Paesi Bassi firmeranno un accordo di sicurezza a lungo termine con l’Ucraina e ha ribadito che gli aiuti militari del paese a Kiev dall’inizio dell’invasione su vasta scala ammontano a 2,81 miliardi di euro.

“Dobbiamo continuare a prendere una posizione unita contro l’aggressione di Putin”, ha scritto Ollongren.

La famiglia reale olandese ha anche rilasciato una dichiarazione in cui afferma che i Paesi Bassi sono rimasti “uniti per gli uomini e le donne ucraine che lottano per la libertà, la democrazia e la giustizia”, ​​aggiungendo che la resilienza dell’Ucraina è “un esempio e un’ispirazione per tutti noi”.

Il presidente finlandese Sauli Niinisto ha anche sottolineato “la capacità e le risorse per sostenere l’Ucraina nel lungo termine” lavorando anche per la pace, ribadendo il sostegno del governo finlandese alla formula di pace del presidente Volodymyr Zelenskyj.

Il ministero degli Esteri danese ha scritto che “è dalla parte del popolo ucraino e della sua lotta per la libertà e la giustizia” e ha pubblicato un video sugli aiuti in corso al paese. Ciò include il Fondo Ucraina lanciato nel 2023 per fornire sostegno militare e civile e coinvolgere le aziende private e le organizzazioni della società civile nella ricostruzione dell’Ucraina.

Il 23 febbraio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ricordato il suo viaggio a Kiev in occasione del primo anniversario dell’invasione e ha scritto che “un dittatore deciso a ricostruire un impero non sarà mai in grado di cancellare l’amore per la libertà del popolo. abbattete la volontà dei liberi. E l’Ucraina non sarà mai una vittoria per la Russia.”

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie