24 febbraio 2014-2024. 10 anni di guerra: una cronologia dell’aggressione russa contro l’Ucraina

AgenPress – Quasi immediatamente dopo la fine della rivoluzione EuroMaidan in Ucraina nel febbraio 2014, la Russia si è mossa rapidamente per annettere e occupare la penisola di Crimea. Nel giro di un paio di mesi scoppiarono disordini nell’Ucraina orientale seguiti dalle milizie appoggiate dalla Russia che presero il controllo degli edifici amministrativi.  

Gli eventi segnano l’inizio dell’invasione e dell’occupazione dell’Ucraina da parte della Russia, durata dieci anni, che continua ancora oggi.

Il Kyiv Independent ha compilato una cronologia che copre i principali eventi degli ultimi 10 anni di guerra della Russia contro l’Ucraina.

20 febbraio 2014:
annessione della Crimea

Per tutto il febbraio 2014, la Russia ha iniziato ad aumentare silenziosamente la propria presenza nella base della flotta del Mar Nero a Sebastopoli, in Crimea. Verso la fine del mese, il 20 febbraio 2014, uomini armati senza insegne si sono mossi per bloccare gli aeroporti di Sebastopoli e Simferopoli e le basi militari ucraine sulla penisola e hanno sequestrato l’edificio del Parlamento di Crimea. L’annessione di fatto diede inizio alla guerra in corso tra la Russia e l’Ucraina. La Russia ha occupato la Crimea nei giorni successivi.

12 aprile 2014:

Inizia l’invasione del Donbass

I militanti sostenuti dalla Russia guidati dall’ex ufficiale del Servizio di sicurezza federale (FSB) Igor Girkin (Strelkov) hanno preso con la forza il controllo degli uffici del ministero dell’Interno a Sloviansk e Kramatorsk nell’oblast di Donetsk, dando il via all’invasione della regione orientale.

13 aprile 2014:

L’Ucraina lancia
l’operazione antiterrorismo

Oleksandr Turchynov, presidente ad interim dell’Ucraina dopo la rivoluzione EuroMaidan, ha annunciato l'”Operazione antiterrorismo” (ATO) negli oblast di Donetsk e Luhansk in risposta all’invasione della regione orientale del Donbass da parte di agenti appoggiati dalla Russia. Successivamente è stata ribattezzata Operazione delle forze congiunte.

Giugno-luglio 2014:

Liberazione delle città orientali

Nell’estate del 2014, le forze ucraine hanno iniziato a riconquistare i territori occupati dalle forze appoggiate dalla Russia. Le forze ucraine hanno ripreso il pieno controllo di Mariupol il 13 giugno 2014 e hanno liberato diverse città negli oblast di Donetsk e Luhansk, tra cui Kramatorsk, Sloviansk, Sievierodonetsk e Lysychansk nel luglio 2014.

Agosto 2014:

Battaglia di Ilovaisk

Dopo quasi un mese di feroci combattimenti, iniziati il ​​6 agosto 2014 e durati fino al 31 agosto, colonne di soldati ucraini a cui era stato promesso un passaggio sicuro da agenti appoggiati dalla Russia attraverso un corridoio prestabilito fuori città sono state attaccate. dall’artiglieria pesante. In totale, 368 soldati ucraini furono uccisi in quello che oggi è noto come il massacro di Ilovaisk. Più di 400 furono feriti e circa 300 furono catturati. Questa è stata la più grande perdita istantanea delle forze armate ucraine fino a quel momento.

17 luglio 2014:

Abbattimento dell’MH17

Il 17 luglio 2014, il volo Malaysia Airlines MH17 è stato abbattuto sopra l’Ucraina orientale mentre viaggiava da Amsterdam a Kuala Lumpur. Tutte le 298 persone a bordo, compresi 80 bambini, furono uccise. Dopo un’indagine internazionale, un tribunale olandese nel 2022 ha condannato due russi, Igor Girkin e Sergey Dubinsky, e l’ucraino Leonid Kharchenko che combattevano dalla parte russa per l’abbattimento di un aereo di linea con un sistema missilistico antiaereo Buk fornito da Mosca. La Russia continua a negare il proprio coinvolgimento e incolpa l’Ucraina, diffondendo falsità sulle circostanze e sulle cause della tragedia.

5 settembre 2014:

Protocollo di Minsk

L’Ucraina, la Russia e l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) hanno firmato nella capitale della Bielorussia il Protocollo di Minsk, il primo piano di pace per cercare di fermare la guerra. L’operazione fallì, poiché le truppe russe violarono quasi immediatamente il cessate il fuoco.

21 gennaio 2015

Le forze appoggiate dalla Russia
catturano l’aeroporto di Donetsk

La battaglia per l’aeroporto di Donetsk, una delle più lunghe e sanguinose della guerra, si è conclusa dopo 242 giorni di stallo con le truppe appoggiate dalla Russia, che superavano di gran lunga le forze ucraine. Dopo aver sopportato mesi di intensi combattimenti, il 21 gennaio 2015 i soldati ucraini rimasti hanno lasciato le loro posizioni negli aeroporti, che erano stati quasi distrutti. La battaglia per l’aeroporto, i cui difensori sono ampiamente conosciuti come “cyborg”, è diventata un simbolo di resistenza.

12 febbraio 2015

Minsk II

Una versione rivista del Protocollo di Minsk, denominata Minsk II, è stata firmata a seguito del successo della campagna militare russa nel febbraio 2015 e delle enormi perdite subite dalla parte ucraina nella battaglia di Debaltseve. L’accordo ha fatto ben poco per cambiare la situazione, con entrambe le parti fondamentalmente in disaccordo sulle interpretazioni del testo. È stato fortemente criticato per essere contorto e troppo simile a Minsk I.

25 novembre 2018

Incidente nello stretto di Kerch

Le navi russe hanno aperto il fuoco contro tre imbarcazioni della marina ucraina mentre cercavano di attraversare lo stretto di Kerch nel loro cammino verso il porto ucraino di Mariupol nel Mar d’Azov. Era la prima volta che la Russia attaccava apertamente l’Ucraina, sotto la propria bandiera, senza nascondersi dietro i suoi delegati. Mosca ha affermato che le navi avevano “violato la zona vietata” nonostante il fatto che il mare fosse comunemente utilizzato da entrambi i paesi. Dopo l’attacco, la Russia sequestrò le navi militari Berdiansk e Nikopol e il rimorchiatore Yany Kapu e catturò 24 marinai ucraini, sei dei quali rimasero feriti. In risposta, il presidente Petro Poroshenko ha introdotto la legge marziale in 10 distretti ucraini per 30 giorni.

9 dicembre 2019:

Incontro Normandia Quattro

I leader di Ucraina, Francia, Germania e Russia si sono incontrati a Parigi il 9 dicembre 2019 nell’ambito degli incontri dei Quattro Normandia. I colloqui hanno portato solo ad una dichiarazione congiunta firmata dai leader dei paesi presenti in cui si conferma che gli accordi di Minsk firmati nel febbraio 2015 costituiranno la base del processo di pace. È stata la prima e l’ultima volta che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj e il presidente russo Vladimir Putin si sono incontrati di persona.

Aprile 2021:

La Russia sposta più truppe
ai confini dell’Ucraina

Nell’aprile 2021, la Russia ha iniziato ad ammassare un gran numero delle sue truppe al confine con l’Ucraina orientale e in Crimea. Pochi mesi dopo, i media stranieri hanno riferito che l’accumulo di truppe si era ampliato, seguito da numerose pubblicazioni che suggerivano che Mosca potesse prepararsi per un’invasione più ampia dell’Ucraina. Molti funzionari ucraini hanno affermato di non aver visto segni di minaccia e che la situazione era “sotto controllo”, minimizzando gli avvertimenti dei paesi della NATO sulla possibile imminente invasione e, verso la fine dell’anno, gli scenari dettagliati riportati dai giornalisti occidentali. L’esercito ucraino si è detto pronto a reagire se necessario. A metà febbraio 2022, la Russia aveva ammassato fino a 190.000 soldati al confine con l’Ucraina.

Putin dichiara “l’indipendenza”
dei territori occupati
dal 2014

Tre giorni prima del lancio dell’invasione su vasta scala, il 21 febbraio 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia stava riconoscendo l’intera regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, come appartenente a “stati indipendenti” illegittimi.

24 febbraio 2022:

La Russia lancia l’invasione su vasta scala
dell’Ucraina

Alle 3:40 del 24 febbraio 2022, la prima colonna di carri armati è entrata nel territorio dell’oblast di Lugansk. Pochi minuti dopo, il Cremlino ha pubblicato un discorso del presidente russo Vladimir Putin in cui lanciava quella che eufemisticamente chiamava “un’operazione militare speciale” contro l’Ucraina, dichiarando di fatto guerra al Paese. Subito dopo si sono verificate esplosioni in diverse città dell’Ucraina. La Russia ha lanciato attacchi aerei su dozzine di obiettivi in ​​tutta l’Ucraina mentre le sue truppe lanciavano un’offensiva di terra dalla Russia, dalla Bielorussia e dai territori occupati degli oblast di Donetsk e Lugansk, spostandosi più in profondità nel paese.

16 marzo 2022: attacco aereo
al teatro drammatico di Mariupol

Un aereo da guerra russo il 16 marzo 2022 ha sganciato una bomba su un teatro drammatico nell’assediata Mariupol, nell’oblast di Donetsk, dove si erano rifugiate circa 1.000 persone. Davanti al teatro c’era scritta per terra la parola “bambini” per indicare che lì c’erano bambini rifugiati. I dati sul numero dei decessi variano. Un’indagine dell’Associated Press ha dimostrato che l’attacco aereo russo avrebbe potuto uccidere 600 residenti.

Liberazione dell’oblast di Kiev

Dopo più di un mese di pesanti combattimenti, i tentativi della Russia di accerchiare Kiev fallirono. Le sue truppe si ritirarono dalla periferia della capitale mentre le bandiere ucraine venivano issate su Hostomel, Irpin e altri sobborghi di Kiev. La vittoria dell’Ucraina è stata oscurata dalle prove degli orribili crimini di guerra commessi dall’esercito russo contro i civili nelle città dell’oblast di Kiev, scoperti dopo la liberazione. Si è scoperto che centinaia di residenti del sobborgo di Bucha a Kiev erano stati torturati, violentati e giustiziati.

14 aprile 2022:

Affondamento della Moskva

L’ammiraglia russa Moskva, orgoglio della sua flotta, è affondata nel Mar Nero un giorno dopo che l’Ucraina l’ha colpita con due missili antinave Neptune di produzione nazionale. L’affondamento della Moskva, una delle perdite più simboliche e costose della guerra, ha aperto la strada alla liberazione dell’Isola dei Serpenti, contribuendo a sbloccare le rotte commerciali e a ridurre le minacce di attacchi russi dal Mar Nero, ha affermato l’intelligence militare ucraina. .

20 maggio 2022:

Resa delle truppe ucraine
nell’acciaieria Azovstal
a Mariupol

Mariupol, una città nell’oblast di Donetsk con una popolazione prebellica di circa 500.000 persone, è stata assediata alla fine di febbraio 2022, diventando sinonimo dei crimini russi contro l’Ucraina. Dopo 86 giorni di difesa della città circondata sotto pesanti bombardamenti, circa 2.500 combattenti ucraini si arresero dall’acciaieria Azovstal – la loro ultima roccaforte – dopo che i comandanti ucraini ordinarono alla guarnigione in difesa di deporre le armi. Tutti furono catturati dalla Russia. Secondo le stime approssimative delle autorità, durante l’assedio di Mariupol avrebbero potuto essere uccise almeno 25.000 persone. Il numero esatto dei morti rimane sconosciuto e potrebbe essere molto più alto.

30 giugno 2022:

Riconquista dell’Isola dei Serpenti

Il 30 giugno 2022 le forze armate ucraine hanno riconquistato l’isola dei serpenti, situata a circa 35 chilometri al largo della costa meridionale dell’Ucraina di Odessa. L’isola di un chilometro quadrato è diventata famosa perché il luogo in cui un soldato ucraino disse alla nave da guerra russa Moskva di “andare a farsi fottere” prima di arrendersi alle forze russe il 24 febbraio. Snake Island è considerata strategicamente importante, in quanto consente il controllo il suolo e, in una certa misura, lo spazio aereo nell’Ucraina meridionale. Dopo la sua liberazione, l’Ucraina ha ripreso il controllo di una parte del Mar Nero.

29 luglio 2022:
attacco al campo di prigionia di Olenivka

Un’esplosione notturna il 29 luglio 2022 nella prigione di Olenivka, nell’oblast occupato di Donetsk, ha ucciso 53 persone e ferito oltre 100 prigionieri di guerra ucraini, compresi i soldati del reggimento Azov catturati dalla Russia a Mariupol. Mosca ha accusato l’Ucraina di aver attaccato la prigione con HIMARS, un sistema missilistico ad alta precisione, ma non ha presentato alcuna prova. Kiev ha affermato che la Russia ha ucciso prigionieri di guerra ucraini per nascondere prove di tortura. Secondo la Procura generale l’esplosione è stata provocata da un ordigno termobarico.

6 settembre 2022:

Controffensiva di Charkiv

Le forze armate ucraine hanno lanciato un’inaspettata e fulminea controffensiva nell’oblast di Kharkiv il 6 settembre 2022. Nel corso di sei giorni, l’Ucraina ha liberato dalla Russia quasi tutti i territori occupati nell’oblast, tra cui Balakliya, Izium e Kupiansk, un punto logistico chiave centro. Dopo la liberazione dell’oblast di Kharkiv, gli investigatori ucraini hanno scoperto numerosi casi di crimini di guerra russi, comprese camere di tortura e una fossa comune a Izium.

8 ottobre 2022:

Attacchi al ponte di Kerch

La mattina presto dell’8 ottobre 2022, il ponte di Kerch, che collega la Russia continentale con la penisola di Crimea occupata dai russi, è stato dato alle fiamme dopo una potente esplosione. L’attacco è stato il risultato di un’operazione speciale del Servizio di sicurezza ucraino (SBU). Il ponte, lungo 19 chilometri, rappresenta una via di rifornimento e trasporto fondamentale per le forze russe in Crimea e nell’Ucraina occupata, ed è stato bersaglio di ripetuti attacchi. Il 17 luglio 2023 è stato colpito dai droni marini sperimentali ucraini “Sea Baby”. Entrambi gli attacchi hanno fatto crollare sezioni del ponte stradale.

11 novembre 2022:

Liberazione di Kerson

Le truppe ucraine sono entrate a Kherson l’11 novembre 2022, l’unica capitale regionale che la Russia era riuscita a conquistare dall’inizio dell’invasione su vasta scala. La gente del posto è scesa in strada per celebrare la liberazione dall’occupazione russa avvolta nelle bandiere ucraine. Durante la controffensiva estesa lanciata alla fine di agosto 2022, i soldati ucraini hanno riconquistato dozzine di insediamenti sulla sponda occidentale della regione di Kherson.

17 marzo 2023:

La Corte penale internazionale emette un mandato di arresto
per il presidente russo
Vladimir Putin

La Corte penale internazionale (CPI) ha emesso mandati di arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin e del commissario presidenziale russo per i diritti dei bambini Maria Lvova-Belova per il loro ruolo nella deportazione dei bambini ucraini. Dal febbraio 2022, il governo ucraino ha identificato oltre 19.500 bambini rapiti dai territori occupati dai russi e inviati in Russia, Bielorussia o nelle aree dell’Ucraina controllate dalla Russia. Finora solo 388 di loro hanno potuto tornare a casa.

6 giugno 2023:

Distruzione della diga di Kakhovka

La mattina presto del 6 giugno 2023, si è verificata un’esplosione presso la diga di Kakhovka, nella parte occupata dai russi dell’oblast di Cherson, provocando un disastro umanitario e ambientale in tutta l’Ucraina meridionale. All’epoca la Russia aveva il controllo della diga ed è opinione diffusa che le forze russe l’abbiano distrutta per ostacolare la prevista controffensiva dell’Ucraina. La distruzione della diga ha allagato Kherson e dozzine di altri insediamenti sia sulla sponda occidentale controllata dall’Ucraina che sulla sponda orientale occupata dai russi. La catastrofe ha costretto migliaia di persone a evacuare le proprie case e ha rappresentato una minaccia per la centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d’Europa. Secondo funzionari ucraini, più di 30 persone sono morte nei territori controllati dall’Ucraina, mentre il bilancio delle vittime nelle vicine aree occupate dai russi avrebbe potuto raggiungere le centinaia.

17 luglio 2023:

La Russia esce dalla Black Sea
Grain Initiative

La Russia si è ritirata dalla Black Sea Grain Initiative, facendo di fatto fallire l’accordo. L’accordo, mediato dalla Turchia e dalle Nazioni Unite nel luglio 2022, ha svolto un ruolo cruciale nel mitigare l’impennata globale dei prezzi alimentari parzialmente causata dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, consentendo a Kiev di esportare i suoi prodotti agricoli attraverso il Mar Nero nonostante la crisi in corso. invasione. Subito dopo il fallimento dell’accordo, la Russia ha lanciato attacchi mirati ai porti dell’Ucraina meridionale.

18 febbraio 2024:

L’Ucraina si ritira
da Avdiivka

I soldati ucraini si sono ritirati da Avdiivka il 18 febbraio, dopo mesi di aspri combattimenti ripresi nell’ottobre 2023. La città, situata a nord di Donetsk, nell’Ucraina orientale, occupata dai russi, è stata una roccaforte ucraina per 10 anni e un obiettivo della Russia dal 2014. Il comandante in capo Oleksandr Syrskyi ha affermato che la decisione di ritirarsi è stata presa per evitare l’accerchiamento e per preservare la vita dei combattenti, tuttavia, alcuni di loro sono stati catturati dalle truppe russe durante la ritirata.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie