Usa. Biden sanziona contro 500 obiettivi russi inclusi i dirigenti del carcere dove è morto Alexey Navalny

AgenPress – Gli Stati Uniti imporranno più di 500 sanzioni alla Russia , ai suoi sostenitori e alla sua macchina da guerra mentre il mondo celebra il secondo anno da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina , ha detto un portavoce del Dipartimento del Tesoro.

Si tratterebbe della più grande tranche singola dall’inizio dell’invasione del presidente russo Vladimir Putin , hanno detto funzionari dell’amministrazione.

Le sanzioni, che saranno adottate dal Dipartimento del Tesoro e dal Dipartimento di Stato, includeranno ulteriori misure intese a punire il Cremlino per il suo ruolo nella morte del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, hanno detto i funzionari.

Dopo un incontro giovedì con la vedova e la figlia di Navalny a San Francisco, il presidente Joe Biden ha anticipato l’azione, dicendo che la sua amministrazione “annuncerà domani sanzioni contro Putin, responsabile della sua morte”.

Giovedì scorso, un funzionario di alto livello del Dipartimento di Stato ha descritto le sanzioni pendenti come “schiaccianti”.

“Alcuni di essi saranno presi di mira contro persone direttamente coinvolte nella morte di Navalany. La stragrande maggioranza di essi, tuttavia, sono progettati per logorare ulteriormente la macchina da guerra di Putin, per colmare le lacune nel regime di sanzioni che è stato in grado di eludere”, ha dichiarato il sottosegretario. Lo ha detto Victoria Nuland, responsabile degli affari politici dello Stato, intervenendo ad un evento a Washington.

Funzionari che hanno familiarità con i piani affermano che molte delle misure prenderanno di mira il settore della difesa russo, tra cui una serie di entità già sanzionate dagli Stati Uniti.

Si prevede che le sanzioni imposte come punizione per la morte di Navalny in un remoto prigioniero russo prenderanno di mira individui che si ritiene abbiano avuto un ruolo nella sua detenzione e morte, hanno aggiunto i funzionari.

Durante la guerra della Russia contro l’Ucraina , gli Stati Uniti hanno cercato di indebolire l’esercito di Mosca prendendo di mira la sua economia, limitando la sua capacità di importare tecnologia chiave per alimentare il suo complesso industriale-difensivo, riducendo il valore delle sue esportazioni e tagliando fuori la Russia dal sistema bancario internazionale. sistema.

Nonostante lo sforzo storico, l’economia russa è cresciuta negli ultimi due anni, in parte grazie al commercio costante del paese con partner come Cina e India. Il Cremlino è anche riuscito a mantenere riforniti i suoi arsenali, ricorrendo all’approvvigionamento di alcune armi dall’Iran e dalla Corea del Nord, due paesi anch’essi pesantemente sanzionati dall’Occidente.

“Vladimir Putin e i suoi imbroglioni hanno trovato molti modi per eludere le sanzioni”, ha ammesso Nuland. “Ecco perché quando vedete il pacchetto che lanceremo tra un paio di giorni, è fortemente incentrato sull’evasione, sui nodi, sulle reti e sui paesi che aiutano a evadere – volontariamente o meno – e sulle banche che sostenere e consentire questo tipo di evasione.”

Nuland ha inoltre previsto che in futuro l’amministrazione imporrà ulteriori sanzioni legate alla morte di Navalny.

“Prevedo che col passare del tempo saremo in grado di proporre sempre più sanzioni alle persone direttamente responsabili della morte di Navalny”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie