Ucraina. Il 4 aprile 2024 uscirà il documentario “Noi, i nostri animali domestici e la guerra”

AgenPress – Il famoso blogger e viaggiatore ucraino Anton Ptushkin ha girato il suo primo lungometraggio per il grande schermo.

Come riportato dal servizio stampa del distributore cinematografico Green Light Films, il film documentario su persone e animali “Noi, i nostri animali domestici e la guerra” uscirà a livello nazionale il 4 aprile 2024.

Questo film è un tentativo di mostrare gli eventi in Ucraina da una prospettiva diversa, attraverso il rapporto tra le persone e gli animali, che sono diventati testimoni e talvolta vittime di questa guerra. I personaggi principali del film non sono solo gatti, cani, orsi, leoni, lemuri e un camaleonte yemenita di nome “Ihor”, ma anche persone che li salvano, rischiando la vita. Nel film sono stati coinvolti molti stranieri, per i quali l’eroismo degli ucraini nel salvare gli animali è stata una vera rivelazione.

Se riduciamo l’idea principale del nastro a una breve frase, sarà una citazione del fondatore del rifugio Gostomel Asi Serpynska: “Salvare gli animali per rimanere umani”.

“Noi, i nostri animali domestici e la guerra” è un film documentario creato come parte di una coproduzione ucraino-canadese. Il lavoro sul progetto è durato 1,5 anni.

“Fin dall’inizio, questo film è stato girato pensando a un pubblico occidentale, perché mi sembrava che in Ucraina tutti sapessero già tutto. Ma poi ho capito che gran parte di ciò che avevo girato sarebbe stato interessante e comprensibile per gli ucraini. È così che il Ho l’idea di fare un film separato per i nostri spettatori e di proiettarlo nei cinema ucraini, non su YouTube. Sono interessato a cosa ne verrà fuori”, ha detto Anton Ptushkin.

Il film “Noi, i nostri animali domestici e la guerra” aprirà l’annuale festival internazionale di film documentari di mediometraggioDocKyivFest si terrà il 28 marzo e sarà disponibile nei cinema ucraini a partire dal 4 aprile 2024.

12mila ucraini hanno partecipato alla creazione del progetto cinematografico, filmando i crimini russi sui loro telefoni in modo che il mondo potesse vedere e ricordare il prezzo che paga l’Ucraina.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie