Onu. Bambini sopravvissuti alle bombe russe su Mariupol parlano davanti l’assemblea. Quasi 20mila deportati in Russia

AgenPress – Un piccolo gruppo di bambini ucraini sopravvissuti alla guerra parlerà oggi a una sessione privata del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nell’ambito di uno sforzo di Kiev per ricordare agli americani i costi umani di un conflitto sempre più influenzato dalla politica interna statunitense.

Tra coloro che si rivolgono all’organismo delle Nazioni Unite, tappa di una visita più ampia negli Stati Uniti, figurano Kira, 14 anni, e Ilya, 11, della città assediata di Mariupol, e la speranza è che le loro storie personali possano entrare in risonanza con i repubblicani allo stesso tempo. quando un pacchetto di aiuti militari per l’Ucraina è bloccato alla Camera.

Il procuratore generale dell’Ucraina stima che dall’inizio dell’invasione su vasta scala, quasi due anni fa, siano stati uccisi 528 bambini e che 2.134 siano dispersi. Si ritiene che altri 19.500 siano stati rapiti e portati in Russia, alcuni dei quali rieducati con la forza con una “educazione patriottica e militare filo-russa”, afferma un rapporto americano.

Nel marzo 2023, il tribunale penale internazionale dell’Aja ha emesso mandati di arresto nei confronti di Vladimir Putin e della commissaria russa per i diritti dei bambini, Maria Lvova-Belova, sostenendo che c’erano motivi per sospettare che fossero responsabili della “deportazione illegale” di migliaia di bambini.

Uno dei motivi della visita di Kira negli Stati Uniti è quello di evidenziare la difficile situazione dei rapiti, e spera che i sostenitori firmino una petizione che invita le Nazioni Unite a chiedere alla Russia di rimpatriarli. “Voglio che i bambini in una situazione simile alla mia, che sono stati portati fuori dalla Russia, tornino in Ucraina dalle loro famiglie”, ha detto, seduta con suo nonno nella sicura città occidentale di Chernivtsi.

Un altro è più sottilmente politico. L’idea di condividere resoconti come quello di Kira è quella di “aumentare la consapevolezza della lotta dell’Ucraina per la democrazia e la libertà attraverso le storie umane”, ha affermato Mariette Hummel, di Builders Ukraine, una ONG che sta conducendo una campagna affinché l’Occidente continui a sostenere l’Ucraina, e ha contribuito a organizzare la visita dei bambini, nella quale visiteranno anche una scuola pubblica di Washington e appariranno in televisione.

I consiglieri affermano che il riconoscimento di fondo è che il dibattito su ulteriori aiuti militari all’Ucraina è diventato sempre più partitico. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy, è diventato notevolmente meno popolare tra gli elettori e i politici repubblicani, un gruppo dei quali sta bloccando il pacchetto di aiuti esteri affinché venga votato alla Camera.

*

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie