La madre di Navalny resiste alle pressioni per un “funerale segreto”. Minacciata ha firmato “morte naturale”

AgenPress – Le autorità russe hanno detto alla madre di Alexei Navalny che suo figlio sarebbe stato sepolto nella colonia penale artica dove sarebbe morto a meno che lei non avesse acconsentito entro tre ore a un funerale segreto. Lo ha detto la portavoce  Kira Yarmysh.

“Un investigatore ha chiamato la madre di Alexei un’ora fa e le ha dato un ultimatum. O accetta un funerale segreto senza addio pubblico entro tre ore, oppure Alexei verrà sepolto nella colonia. Lyudmila Navalnaya ha rifiutato di negoziare con gli investigatori perché “non hanno l’autorità per decidere come e dove seppellire suo figlio”.

“Chiede che rispettino la legge, che obbliga gli investigatori a consegnare il corpo entro due giorni dalla determinazione delle cause della morte”, ha scritto Yarmysh.

Giovedì, Navalnaya ha detto che le era stato mostrato il corpo di suo figlio, ma che le autorità la stavano “ricattando” per farla seppellire con una cerimonia segreta.

Navalnaya ha detto che gli investigatori avevano minacciato di lasciare marcire il corpo di suo figlio a meno che non fosse stato sepolto in segreto. Ha detto che un investigatore le aveva detto: “Il tempo non è dalla tua parte. I cadaveri si decompongono”.

Le autorità carcerarie russe hanno riferito che Navalny si è sentito male dopo una passeggiata e ha presto perso conoscenza nella prigione della città di Kharp. È arrivata un’ambulanza ma non è stato possibile rianimarlo.

La squadra di Navalny e la sua vedova, Yulia, hanno detto che è stato ucciso dalle autorità russe . Il Cremlino nega ogni coinvolgimento nella morte di Navalny. Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, giovedì ha descritto la reazione dell’Occidente alla morte come “isteria”.

Sembra che il Cremlino stia facendo di tutto per evitare che i funerali di Navalny si trasformino in una dimostrazione pubblica di sostegno al leader dell’opposizione prima delle elezioni presidenziali del paese del mese prossimo.

Diversi importanti artisti e personaggi pubblici russi contro la guerra hanno registrato video chiedendo a Vladimir Putin di restituire il corpo di Navalny alla sua famiglia. Tra loro ci sono il musicista rock russo Andrei Makarevich e il premio Nobel per la pace Dmitry Muratov.

La vincitrice bielorussa del premio Nobel per la letteratura Svetlana Alexievich ha scritto: “Voglio fare appello non solo al Cremlino. Voglio chiedere a tutte le persone, a tutti noi: continuate a dire e dire che devono restituire il corpo a sua madre”.

Più di 80.000 persone hanno firmato una petizione al comitato investigativo russo chiedendo che il corpo di Navalny venga consegnato alla sua famiglia.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie