Ucraina. La guerra di Putin ha distrutto l’infanzia e devastato la salute mentale dei bambini. Vivono nelle metropolitane

AgenPress – La guerra in Ucraina ha avuto conseguenze devastanti per la salute mentale dei bambini, poiché coloro che vivono nelle zone di prima linea sono stati costretti a trascorrere dalle 3.000 alle 5.000 ore – l’equivalente di quattro o quasi sette mesi – riparandosi negli scantinati e nelle stazioni della metropolitana sotterranea, secondo le Nazioni Unite. Lo ha affermato  il Fondo per l’infanzia (UNICEF). 

“La guerra in Ucraina ha distrutto l’infanzia e ha devastato la salute mentale e la capacità di apprendimento dei bambini”, ha affermato il Direttore esecutivo dell’UNICEF Catherine Russell.

“I bambini hanno vissuto due anni di violenza, isolamento, separazione dalle famiglie, perdita di persone care, sfollamenti e interruzioni del sistema scolastico e sanitario. Hanno bisogno che questo incubo finisca”.

Secondo l’UNICEF, dal febbraio 2022, quando la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala, “attacchi implacabili” hanno provocato circa 3.500 allarmi di raid aerei nelle regioni di Zaporizhzhia e Kharkiv e quasi 6.200 nella regione di Donetsk.  

L’organizzazione ha aggiunto che i mesi invernali sono stati “particolarmente orribili” per i bambini, con migliaia di persone che si sono rifugiate negli scantinati senza riscaldamento, elettricità o accesso all’acqua.

In tutto il Paese, il 40% dei bambini non può accedere all’istruzione continua a causa della mancanza di strutture e, nelle aree vicine alla linea del fronte, “la metà dei bambini in età scolare non può accedere all’istruzione”, ha affermato l’agenzia.

La guerra ha provocato “divari di apprendimento” equivalenti a due anni di perdita nella lettura e ad un anno di perdita in matematica.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie