Savoini, ex portavoce Lega, difende Putin e la Russia. Lega in piazza per Navalny per evitare problemi al governo

AgenPress – “Basta che Matteo Salvini dica una cosa ragionevole – cioè di aspettare le indagini per capire se Navalny è morto di infarto, di gelo, oppure torturato – che subito viene messo in croce”, dice in un’intervista a La Stampa, Gianluca Savoini,  ex portavoce del segretario leghista. “Perché questa strumentalizzazione?  Perché basta che il signor Biden, il capo del mondo, decida che è stato Putin a farlo uccidere, e tutti devono omologarsi. Però lui poi vuole fare la stessa cosa con Julian Assange”.

“Quello che è successo a Navalny è quello che succede da tempo ad Assange. Non è che io voglia fare dei paragoni tristissimi, però quello che vale per uno vale anche per l’altro. Perché nessuno ha speso una parola per Gonzalo Lira, il giornalista americano morto nelle carceri ucraine? Usare due pesi e due misure mi fa schifo”.

“Ormai tutti sono ossessionati in maniera psicopatologica dalla Russia. Viviamo in questa cappa dove Russia significa il crimine, l’inferno, il male assoluto. E poi se qualcuno ha a che fare con la Russia diventa un mostro. Guardate cos’è successo a Marine Le Pen per aver chiesto un prestito, poi restituito, a una banca della Repubblica Ceca con partecipazioni di banche russe”.

Difende la partecipazione del Carroccio alla manifestazione di Roma: “È morta una persona. E quando muore una persona non si può scherzare. Però bisognerebbe anche evitare di strumentalizzare questa morte. Comunque la Lega fa parte del governo, e per evitare problemi al governo, è normale che sia andata in piazza. Però un conto sono un governo e un sistema politico schierati, un’altra il Paese reale che ha opinioni anche diverse”.

Riguardo al memorandum d’intesa tra la Lega e Russia Unita, il partito di Putin “si trattava di un memorandum di collaborazione, nell’ambito di istituzioni come ad esempio il Consiglio d’Europa e l’Ocse al quale erano ammessi anche parlamentari russi. Dialogavamo su temi come la lotta all’immigrazione, la difesa delle identità e anche la lotta alle sanzioni, perché per noi della Lega rovinavano le aziende italiane senza portare alcun beneficio politico. È stato impossibile riconfermare il memorandum perché a un certo punto i deputati russi sono stati espulsi da questi organismi”.

Sulle parole di Putin che si è sempre sentito a casa in Italia “parlava anche alla politica. A tutti i politici italiani – da Letta a Prodi, da Conte a Salvini – che hanno avuto un ruolo di governo fino al 2019. Tutti lo invitavano a Roma e andavano a Mosca a definire accordi commerciali per le nostre imprese, trattandolo come si tratta un partner importante”.

Savoini dice di andare spesso in Russia: “Certo, ci vado tranquillamente dato che mia moglie è russa e ho anche il visto matrimoniale. Gli amici che avevo da trent’anni per me rimangono amici. A differenza di molti italiani che fanno i Badoglio, e quando va tutto male saltano dall’altra parte, in Russia se sei una persona corretta e seria non ti voltano le spalle”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie