Usa. Smirnov, ex talpa FBI, aiutato dai 007 russi per infangare Biden e il figlio durante le presidenziali del 2020

AgenPress –  “Alexander Smirnov, ex informatore dell’FBI che avrebbe fornito all’FBI false informazioni sul presidente Joe Biden e suo figlio Hunter Biden durante la campagna presidenziale del 2020 ha affermato che alcune delle informazioni diffuse provenivano da “funzionari associati all’intelligence russa”. Lo hanno detto i pubblici ministeri.

Smirnov  aveva affermato di avere la prova che Biden e suo figlio Hunter avevano accettato tangenti da un oligarca ucraino. I repubblicani hanno ripetutamente pubblicizzato le affermazioni di Smirnov nel loro tentativo di mettere sotto accusa il presidente. Ma la settimana scorsa, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che avrebbe accusato Smirnov di aver rilasciato una falsa dichiarazione e di aver creato una falsa documentazione relativa all’accusa di corruzione.

“Durante il suo colloquio di custodia il 14 febbraio, Smirnov ha ammesso che funzionari associati all’intelligence russa erano coinvolti nella diffusione di una storia su” il giovane Biden.

Smrinov inizialmente ha cercato di diffondere la storia della corruzione ucraina di Biden poco prima delle elezioni del 2020, ma i procuratori del Dipartimento di Giustizia avvertono che la “disinformazione” di Smirnov va ben oltre.

Smirnov ha anche detto all’FBI di aver avuto ripetuti contatti con un funzionario russo che, era “il figlio di un ex funzionario governativo russo di alto rango, qualcuno che presumibilmente controlla due gruppi di individui incaricati di portare a termine tentativi di omicidio”. in un paese terzo, un rappresentante russo in un altro paese e… qualcuno con legami con un particolare servizio di intelligence russo”.

I pubblici ministeri hanno affermato nella loro dichiarazione che Smirnov “sta diffondendo attivamente nuove bugie che potrebbero avere un impatto sulle elezioni americane dopo l’incontro con i funzionari dell’intelligence russa a novembre”.

Il giudice magistrato statunitense Daniel J. Albregts ha ritenuto che il governo non ha sostenuto la tesi secondo cui Smirnov doveva essere detenuto fino al processo e ha ordinato il suo rilascio in condizioni che includevano il monitoraggio GPS.

Smirnov è stato arrestato la scorsa settimana a Las Vegas dopo essere tornato su un volo internazionale e deve affrontare due capi d’imputazione in relazione alle bugie che avrebbe detto al suo agente dell’FBI. I suoi avvocati difensori affermano che si tratta di un cittadino americano che possiede anche un passaporto israeliano, che Albregts gli ha ordinato di consegnare.

Smirnov, secondo i pubblici ministeri dell’ufficio del procuratore speciale David Weiss, “ha fornito false informazioni dispregiative all’FBI” sui Biden, inclusa la falsa accusa secondo cui funzionari della Burisma, una compagnia energetica ucraina che impiegava Hunter Biden, avevano pagato ai Biden 5 milioni di dollari. ciascuno e che gli investigatori avrebbero impiegato 10 anni per trovare i pagamenti falsi.

In particolare, è accusato di aver fatto “false dichiarazioni” e di aver “creato un precedente falso e fittizio” in relazione a un’indagine dell’Fbi, di cui è stato a lungo una talpa. Secondo l’accusa, nel 2020 Smirnov mentì raccontando due incontri del 2015 o 2016 in cui dirigenti associati a Burisma gli avrebbero detto di aver assunto Hunter Biden per “proteggerci, attraverso suo padre, da ogni tipo di problema”.

L’ex informatore ha anche affermato falsamente che i dirigenti di Burisma avevano pagato 5 milioni di dollari ciascuno a Joe e Hunter Biden quando il primo era vicepresidente in modo che suo figlio “si prendesse cura di tutte quelle questioni attraverso suo padre”: un riferimento a un’indagine penale sulla compagnia energetica dell’allora procuratore generale ucraino, poi silurato su richiesta dello stesso Joe Biden – ma anche dei Paesi occidentali – per presunta corruzione.

In una nota di detenzione, i pubblici ministeri hanno affermato che Smirnov ha “estesi legami con l’estero, inclusi, cosa più preoccupante e per suo conto, contatti con servizi di intelligence stranieri, comprese le agenzie di intelligence russe, e ha avuto tali contatti di recente”.

In una dichiarazione del tribunale nata dal procedimento penale di Hunter Biden nel Delaware, gli avvocati di Hunter Biden hanno scritto che “avrebbe dovuto essere ovvio a tutti” che Smirnov mentiva, sottolineando che l’indagine basata sulle bugie è stata chiusa nell’agosto 2020, quando gli incaricati dell’allora presidente Donald Trump erano a capo del Dipartimento di Giustizia.

In una dichiarazione in tribunale, gli avvocati di Hunter Biden si sono chiesti perché l’ufficio di Weiss abbia trascorso mesi l’anno scorso a riinvestigare le affermazioni di Smirnov.

“Il procuratore speciale ha accusato il signor Smirnov di menzogna e ostruzione, ma la parte più interessante di questa storia non è che il signor Smirnov abbia mentito”, hanno scritto gli avvocati di Hunter Biden . “È ancora più notevole che a partire dal luglio 2023, la squadra del procuratore speciale abbia seguito il signor Smirnov nella sua tana del coniglio di bugie per tutto il tempo che ha fatto.”

Le accuse contro Smirnov sono l’ ultimo grande fallimento nei tentativi repubblicani di mettere sotto accusa Biden, che non è stato altro che una commedia degli errori. Per quasi un anno, il GOP ha insistito sul fatto che Biden e suo figlio fossero colpevoli di corruzione. I repubblicani non hanno prodotto uno straccio di prova concreta delle loro affermazioni, ma hanno ripetutamente confermato le accuse di una fonte dell’FBI apparentemente credibile ma riservata (che ora sappiamo essere Smirnov) come motivo sufficiente per continuare a indagare sul presidente.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie